dalla Home

Videogame

pubblicato il 1 novembre 2011

Forza Motorsport 4

Una difficile eredità, portata con disinvoltura

Forza Motorsport 4
Galleria fotografica - Forza Motorsport 4Galleria fotografica - Forza Motorsport 4
  • Forza Motorsport 4 - anteprima 1
  • Forza Motorsport 4 - anteprima 2
  • Forza Motorsport 4 - anteprima 3
  • Forza Motorsport 4 - anteprima 4
  • Forza Motorsport 4 - anteprima 5
  • Forza Motorsport 4 - anteprima 6

Sin dalla sua prima apparizione nel 2005, Forza Motorsport ha seriamente messo in discussione la supremazia di Gran Turismo nel principale segmento dei giochi di guida, sebbene entrambi i giochi non siano mai stati convertiti per la piattaforma rivale. E con Forza Motorsport 4 la sfida si fa ancora più dura perché per evitare che gli appassionati migrassero verso i lidi PlayStation, Bill Gates ha spremuto al massimo i i Turn 10 studios, la task force di proprietà Microsoft che ha sinora lavorato esclusivamente ai quattro titoli Forza Motorsport. Nel team di sviluppo ci sono infatti solo appassionati di motori, persone che hanno portato la loro dipendenza a 48 valvole in ufficio e l'hanno riversata in un codice infinito. E i risultati si vedono: l'odore di benzina e la voglia disperata di rivivere sul divano le sensazioni che si possano provare al volante di qualunque mezzo a quattro ruote, sia su strade pubbliche che negli autodromi in giro per il mondo ogni episodio della serie. Questo è alla base Forza Motorsport: la passione per ogni forma di automobile, un concetto valido anche per Forza Motorsport 4.

C'E' ANCHE TOP GEAR
I Turn 10 studios hanno affrontato lo sviluppo seguendo le segnalazioni dei giocatori del terzo episodio e mettendo a punto una nuova intelligenza artificiale che si trova alla base non solo della bravura degli avversari durante le singole prove, ma che viene utilizzata anche per realizzare la nuovissima modalità World Tour (ovvero quella principale del gioco) analizzando le attitudini del giocatore nel susseguirsi delle gare. Il risultato di tale lavoro è una carriera che non sarà mai uguale a quella di un'altra persona, che vi verrà confezionata su misura per mettervi di fronte a sfide sempre impegnative ma mai frustranti e soprattutto scelte in funzione del vostro stile di guida per venire incontro ai vostri gusti. Come se non bastasse, a detta degli sviluppatori, anche gli avversari si comporteranno sfruttando questo autoapprendimento, anche se ad essere onesti alcuni atteggiamenti in pista ci hanno lasciati un po' perplessi, soprattutto durante le prime gare. Un aspetto di cui si è detto molto ultimamente è la collaborazione con lo show TV Top Gear, che ha apportato nuovi elementi: il gioco parte con uno splendido filmato dove la familiare voce di Jeremy Clarkson, che ci racconta di come il miglior posto per dar sfogo ai nostri istinti motoristici non sia più l'asfalto ma il nostro salotto. Sempre il celebre conduttore ci accompagna in un aspetto tutto nuovo del gioco chiamato Autovista, una sorta di dettagliatissima enciclopedia tecnica sui 25 bolidi più interessanti nel gioco che aiuta a capire meglio il dna dei mezzi in questione, aspetto che potrebbe rivelarsi utile in fase di gioco. Da Top Gear proviene anche la possibilità di correre sul tracciato ufficiale del programma già dalle prime gare che andrete ad affrontare, oltre a quella di guidare alcuni mezzi storici della trasmissione. Spettacolare è l'interazione di Autovista con Kinect: fate il gesto di aprire la portiera o il cofano di una macchina, e questi si apriranno davvero. Entrate, muovete la testa e attraverso il riconoscimento facciale vi ritroverete ad ammirate le cuciture degli interni.

POLIGONI PER TUTTI
Sul fronte tecnico FM4 conferma le ottime impressioni avute dalle preview degli ultimi mesi: il motore grafico spreme fino in fondo l'hardware a disposizione, dimostrando tuttavia che già nel precedente episodio era stato fatto tutto il possibile. E' quindi ragionevole ritenere che questo sarà l'ultimo episodio sull'attuale Xbox in quanto di più, davvero non si può fare. Anche le texture e la fisica sono tutti aspetti già portati al massimo nel terzo capitolo, lasciando che siano i pochi ma bellissimi nuovi tracciati o le musiche in parte già note ma rivisitate a farci emozionare. Una nota a parte merita il grande lavoro fatto in sinergia con Pirelli che ha fornito agli sviluppatori importanti e minuziosi dati sui comportamenti degli pneumatici. Dopo il tuning dei motori, delle sospensioni, dell'aerodinamica e dei freni, questo era, in fin dei conti, l'unico aspetto tecnico con ancora un certo margine di miglioramento, e che oggi soddisfa in pieno.

80 MARCHI
La sola terza edizione di Forza è stata un capolavoro, con un parco macchine, possibilità d'intervento sulle stesse, una scelta praticamente infinita di parti speciali e una varietà dei tracciati e di sfide che rendevano il gioco virtualmente infinito. Forza Motorsport 4 è un'ulteriore grande evoluzione, sia nella modalità in singolo che in quella multiplayer. Nel primo caso la sfida principale sarà rappresentata dalla modalità World Tour, un vero e proprio viaggio attraverso emozionanti circuiti e strade chiuse al pubblico in giro per il mondo. Ogni tappa potrà essere affrontata correndo in diverse classi, cosa che conferisce al gioco una longevità più che discreta: a  volte dovremo arrivare primi, altre abbattere i birilli sul tracciato di Top Gear. Per quanto riguarda il multiplayer, le grandi novità sono costituite dal "Rivals Mode", che consente di sfidare un singolo utente o anche solo il suo fantasma, ma soprattutto dalla modalità cooperativa che arriva fino a 16 giocatori impegnati simultaneamente nella gestione di un Team che ne sfidi altri online. A queste novità si aggiunge un parco auto e tracciati naturalmente ampliato rispetto al passato, fissando oltre quota 80 il solo numero delle case costruttrici dalle quali scegliere una quantità sbalorditiva di mezzi del presente e del passato per portarle nel vostro garage. Gareggiare tra le Alpi bernesi con una rarissima BMW 2002 Turbo degli anni '70 in mezzo a moderne city car vitaminizzate non ha davvero prezzo. Come se non bastasse, anche la gamma degli optional e delle modifiche acquistabili si è ampliata, ma questo rientra nella consueta gara tra software house a chi ha più licenze ufficiali da inserire, tanto che la scelta di un nuovo cerchio potrebbe risultare quasi noiosa a causa delle eccessive marche disponibili.

SECONDO NOI
Tante altre cose potrebbero esser dette in merito a questo gioco, dai contenuti extra che usciranno di mese in mese, all'ottima implementazione di Kinect, ma per non rischiare di annoiarvi concluderemo qui questa recensione con il semplice consiglio di uscire a comprare questo gioiellino per voi o come eventuale regalo natalizio. Sono soldi ben spesi per un gioco che è riuscito nel difficilissimo compito di superare sé stesso. Grazie Microsoft, grazie Turn 10 Studios.

INFO
Piattaforme: Xbox 360
Giocatori: fino a 16
Editore: Microsoft
Sviluppatore: Turn 10
Specialità: Gran Turismo



Forza Motorsport 4 - Jeremy Clarkson

Il trailer di Forza Motorsport 4 con la voce fuori campo di Jeremy Clarkson

Autore: Manfredi de Arcayne

Tag: Videogame , videogiochi


Top