dalla Home

Novità

pubblicato il 30 novembre 2011

Honda presenta il nuovo 1,6 litri Diesel

APresentata a Tokyo l’unità a gasolio che debutterà sulla Civic

Honda presenta il nuovo 1,6 litri Diesel
Galleria fotografica - Honda Earth Dreams TechnologyGalleria fotografica - Honda Earth Dreams Technology
  • Honda Earth Dreams Technology - anteprima 1
  • Honda Earth Dreams Technology - anteprima 2
  • Honda Earth Dreams Technology - anteprima 3

Honda ha presentato al Salone di Tokyo il nuovo Diesel di 1,6 litri, destinato a fare la sua prima apparizione sulla nuova Civic dal prossimo anno e che avrà 120 CV garantendo al contempo emissioni di CO2 inferiori a 100 g/km. A svelare il nuovo 4 cilindri è stato lo stesso presidente e CEO di Honda Motor Company, Takanobu Ito, annunciando anche che questa unità fa parte di una nuova generazione di motori denominata Earth Dreams Technology e che, in tutte le sue varianti, presto entrerà nei cofani di tutta la gamma del costruttore giapponese che - lo ricordiamo - è il maggior produttore di motori al mondo: da quello per il compressore da giardino fino al jet per aerei executive passando ovviamente per le auto e le moto. Con questa nuova famiglia, Honda punta ad essere il numero uno al mondo per efficienza in ogni segmento entro i prossimi tre anni.

Quanto al nuovo 1,6 litri, Ito ha confermato che sarà la Civic la prima auto a montarlo e ha detto che è stato progettato pensando al mercato europeo cui è destinato in esclusiva, almeno per il momento. Le sue peculiarità sono la già citata potenza di 120 cv a 4.000 giri/min, la coppia di 300 Nm raggiunta a 2.000 giri/min, l'adozione di un turbocompressore ad alta efficienza e il peso più basso della sua classe grazie alla costruzione in alluminio, alla riduzione delle masse delle parti a moto alterno e alla struttura open deck del blocco cilindri. Honda dichiara inoltre di aver raggiunto un livello di attriti interno equivalente a quello di un'analoga unità a benzina e di essere riuscita a bilanciare al meglio la rigidità e la pressione che si genera nella camera di scoppio così come l'esigenza di ridurre emissioni inquinanti e consumi e della CO2 di oltre il 15% grazie in particolare alla gestione termica. Il nuovo motore promette inoltre una qualità di funzionamento superiore, fatta di brillantezza e morbidezza, doti già possedute dal 2,2 litri.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Novità , Honda , auto giapponesi , nuovi motori , tokyo


Top