dalla Home

Mercato

pubblicato il 16 novembre 2011

Il mercato dell'auto in Europa è calato ancora

Solo in Germania la domanda è rimasta stabile. A ottobre Fiat ha perso il 10,2%

Il mercato dell'auto in Europa è calato ancora

Dopo la lieve ripresa di settembre, a ottobre il mercato dell'auto in Europa è tornato a perdere. Con 1.044.825 unità immatricolate la flessione rispetto all'anno precedente è stata dell'1,4% (Ue + EFTA Countries). Solo in Germania la domanda si è mantenuta stabile. Tutti gli altri principali mercati hanno registrato un calo rispetto al 2010, con l'Italia e la Spagna in forte retrocessione. E' quindi sempre più probabile il 2011 europeo si chiuderà in pareggio rispetto al 2010: da gennaio a ottobre le auto immatricolate sono state 11.505.000, ovvero lo 0,9% in meno. E tra i costruttori, come si evince dai dati diffusi questa mattina dall'ACEA, in contrazione Fiat, che ha perso il 10,2%, ma la perdita è stata a due cifre anche per Mazda (-27,6%), Mitsubishi (-21,8%), Suzuki (-16,3%) e Toyota (-10,8%). Viceversa Volkswagen Group ha registrato una crescita del 4,3% e ha visto la propria quota di mercato salire dal 22% al 24%.

TRA I BIG TIENE SOLO LA GERMANIA
A ottobre in Germania il mercato è rimasto stabile (+0,6%), in Francia e Gran Bretagna ha registrato una crescita, seppur lieve, rispettivamente del 2,4% e del 2,6%, mentre in Italia è sceso del 5,5% e in Spagna del 6,7%. Questi numeri, sommati ai risultati dei mesi precedenti forniscono un quadro preoccupante. Da gennaio solo la Germania ha segnato una crescita significativa (+9,8%) e se la Francia è in calo dello 0,4% e la Gran Bretagna del 4,5%, l'Italia e la Spagna vivono un vero crollo: -10,8% e -19,7%.

FIAT HA PERSO TERRENO
Analizzando le performance dei costruttori la nostra attenzione ricade innanzitutto sul Gruppo Fiat. Ad ottobre il costruttore nazionale ha immatricolato in Europa 68.630 unità, incassando un -10,2% che porta la quota di mercato, dal 7,2% dell'ottobre 2010, al 6,6%. "Il risultato resta comunque influenzato dai dati provenienti del mercato italiano, che è di riferimento per Fiat Group Automobiles", si legge in una nota. Da gennaio a ottobre il Lingotto ha registrato un calo dell'11,8%, con una quota del 7,1% (8% nel 2010) e nel mese di ottobre il marchio del Gruppo che ha registrato la crescita migliore è stato Jeep (+148,9%), seguito da Lancia/Chrysler (+15,9%) e dagli altri, tutti negativi: Fiat (-13,1%); Alfa Romeo (-21%); Dodge, Ferrari e Maserati (-53,7%). A ottobre la perdita è stata a due cifre anche per Mazda (-27,6%), Mitsubishi (-21,8%), Suzuki (-16,3%) e Toyota (-10,8%). In moderato calo Daimler (-9,6%), PSA Peugeot-Citroen (-6,4%), GM (-3%) e Renault Group (-2,6) e Volvo (-0,3%). Controcorrente Volkswagen Group che ha registrato una crescita del 4,3% e ha visto la propria quota di mercato salire dal 22% al 24%. Crescita a due cifre per le coreane Kia (+35,6%) e Hyundai (+18%) e per la Jaguar-Land Rover (+35%, con Jaguar che è salita dello 0,2% e Land Rover del +47,5% grazie soprattutto alla Evoque). Bene anche Honda (+6,9%), Ford (+6,4%), Nissan (+3,7%) e BMW Group (+2%).

Autore:

Tag: Mercato , immatricolazioni


Top