dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 9 novembre 2011

PRIME: il primo studio sui benefici dell'auto elettrica

E' un progetto di Daimler, Enel, CEI-CIVES e le Università di Pisa e Salento

Galleria fotografica - smart fortwo edGalleria fotografica - smart fortwo ed
  • smart fortwo ed - anteprima 1
  • smart fortwo ed - anteprima 2
  • smart fortwo ed - anteprima 3
  • smart fortwo ed - anteprima 4
  • smart fortwo ed - anteprima 5
  • smart fortwo ed	   - anteprima 6

Si chiama PRIME, acronimo "Progetto di Ricarica Intelligente per la Mobilità Elettrica", ed è la prima ricerca in Italia sui benefici della mobilità elettrica, in termini ambientali, energetici ed economici che potranno derivare da una penetrazione significativa dei veicoli elettrici nel sistema della mobilità stradale. Il progetto, al quale il Ministero dell'Ambiente contribuisce con un finanziamento pubblico di 1.325.800 euro, prevede un investimento complessivo di tre milioni di euro e sarà realizzato con la partnership di Enel, Mercedes-Benz Italia, Università di Pisa, Università del Salento, CEI-CIVES e Igeam Developpement Durable.

LA SMART ED "VETTURA LABORATORIO"
Partendo dall'assunto che il settore della mobilità è responsabile di circa un terzo delle emissioni climalteranti e inquinanti prodotte dall'uomo e che l'utilizzo di veicoli elettrici consentirebbe di ridurre di circa la metà questo impatto, verranno osservati e modellizzate le performance dei sistemi e dei comportamenti degli utilizzatori del progetto "e-mobility Italy" nelle città di Milano, Pisa e Roma e parallelamente sarà condotta anche una simulazione della sperimentazione nella città di Lecce e test su prototipi a trazione ibrida plug-in. Per e-mobility Italy la Casa della Stella impiega la propria smart elettrica di nuova generazione, la smart ED che è stata presentata in anteprima italiana a H2Roma.

DALLA TEORIA ALLA PRATICA
Individuati degli scenari di riferimento per lo sviluppo del settore, sarà valutato l'impatto sul sistema elettrico della domanda addizionale di energia dovuta alla ricarica delle auto elettriche. Infine, la divulgazione dei risultati ottenuti e l'individuazione di best practices amministrative e regolamentari consentiranno l'implementazione di un processo di diffusione dei modelli individuati efficace e razionale. Tutto questo, nell'ottica di contribuire al raggiungimento degli obiettivi comunitari di sostenibilità ambientale, affrontando in forma sistematica la sfida al miglioramento della qualità della vita di tutti e all'utilizzo delle più avanzate tecnologie e procedure disponibili in Europa.

Autore:

Tag: Attualità , Smart , mobilità sostenibile , auto elettrica , h2roma


Top