dalla Home

Tuning

pubblicato il 2 novembre 2011

Mazda MX-5 Spyder

Tetto ultraleggero per l’elaborazione ufficiale del SEMA

Mazda MX-5 Spyder
Galleria fotografica - Mazda MX-5 SpyderGalleria fotografica - Mazda MX-5 Spyder
  • Mazda MX-5 Spyder - anteprima 1
  • Mazda MX-5 Spyder - anteprima 2
  • Mazda MX-5 Spyder - anteprima 3
  • Mazda MX-5 Spyder - anteprima 4
  • Mazda MX-5 Spyder - anteprima 5
  • Mazda MX-5 Spyder - anteprima 6

La Mazda MX-5 Spyder presentata al SEMA di Las Vegas (1-4 novembre 2011), lo anticipiamo subito per non illudere i tanti cultori della roadster più venduta al mondo, non è una nuova versione destinata alle concessionarie, ma un interessante esercizio di stile che prefigura alcune soluzioni tecniche per la prossima "Miata". Come accade da anni nel salone del tuning americano, anche la Mazda MX-5 Spyder è una elaborazione ufficiale della Casa madre, in questo caso coadiuvata da MNAO Design e Magna Car Top Systems. Il contributo di quest'ultima, nota multinazionale specializzata nella produzione di capote e tetti apribili, è evidente proprio nell'elemento principe dell'elaborazione, vale a dire il semplice tettuccio morbido di colore granata (realizzato da Haartz Corporation) che abbassa la linea della vettura e alleggerisce il peso della vettura.

Questa capote semplificata, per quanto poco applicabile alla produzione dei serie, infonde nella Mazda MX-5 Spyder uno dei principi base della progettazione per il nuovo modello, votato alla massima leggerezza. Altri elementi peculiari della MX-5 Spyder sono la verniciatura bianca "Stratosphere White" e i cerchi Advan RS da 17" a dieci razze con finitura brunita. Un'ulteriore sorpresa viene da sotto il cofano motore, dove l'ormai noto quattro cilindri MZR di 2 litri è alimentato con una miscela di benzina e isobutanolo (alcol isobutilico), lo stesso carburante che viene utilizzato dalla Lola LMP1 del team Mazda/Dyson Racing campione nell'American Le Mans Series. Un ulteriore passo verso l'alleggerimento della MX-5 Spyder è stato ottenuto con l'uso di una batteria ultraleggera agli ioni di litio della Braille Battery. Il più classico tuning meccanico è stato invece applicato alla testata, ad aspirazione e scarico e all'assetto con molle elicoidali Mazdaspeed e freni Brembo. Nell'abitacolo risaltano le sellerie in pelle nero/scamosciato, inserti metallici satinati su portiere e plancia, tappetini personalizzati Star West e leva del cambio a corsa corta.

Scegli Versione

Autore:

Tag: Tuning , Mazda , tuning


Top