dalla Home

Novità

pubblicato il 1 novembre 2011

MINI Roadster

E' la prima spider del marchio, da 112 a 211 CV, Cooper, S, JCW o SD

MINI Roadster
Galleria fotografica - MINI John Cooper Works RoadsterGalleria fotografica - MINI John Cooper Works Roadster
  • MINI John Cooper Works Roadster - anteprima 1
  • MINI John Cooper Works Roadster - anteprima 2
  • MINI John Cooper Works Roadster - anteprima 3
  • MINI John Cooper Works Roadster - anteprima 4
  • MINI John Cooper Works Roadster - anteprima 5
  • MINI John Cooper Works Roadster - anteprima 6

MINI svela la sua Roadster, evoluzione naturale della gamma dopo la MINI Coupé e sesto modello della famiglia già composta da Hatchback, Cabrio, Clubman e Countryman. Sportiva, modaiola e soprattutto "scoperta", era stata annunciata due anni fa dall'omonimo concept presentato al Salone di Francoforte. Arriverà nel 2012 ad un prezzo di qualche migliaio di euro superiore alla Coupé e con una gamma di quattro versioni: MINI Cooper S Roadster, MINI Cooper S Roadster, MINI John Cooper Works Roadster e MINI Cooper SD Roadster, per altrettanti motori: tre benzina più la versione più sportiva del Diesel della gamma MINI.

LA PRIMA SPIDER MINI
Le dimensioni della prima spider nella storia del marchio britannico - 3,73 m la lunghezza, 1,68 m la larghezza, 1,39 m per un passo di 2,46 m - sono pressoché identiche a quelle della Coupé. La differenza principale sta ovviamente nella capote in tela che è ad apertura manuale, per ridurre il peso e dare all'inglesina un tono decisamente sportivo differenziandolo quanto più possibile non solo per i 20 mm in meno di altezza, il parabrezza più inclinato di 13 gradi e i due posti in meno. Simile invece i roll bar in acciaio lucidato, tra i quali è possibile montare il frangivento, e uguale a quello della Coupé è lo spoiler posteriore che fuoriesce automaticamente oltre gli 80 km/h (e rientra sotto i 60) generando una deportanza supplementare di 40 kg. Il vano di carico è di 240 litri con la possibilità di avere il vano passante. Come da tradizione MINI, a seconda dell'allestimento variano diversi componenti della carrozzeria, personalizzabili a gusto del cliente, come le Sport Stripes per il cofano motore, il cofano del bagagliaio e lo spoiler posteriore, disponibili in tre varianti cromatiche. Il tetto in tela è invece disponibile solo in nero.

SOLO PER DUE
L'abitacolo ricalca quello della Coupé, caratterizzato dal tipico design MINI, con grandi strumenti circolari e una realizzazione originale e curata. L'adozione del tetto in tessuto ha sottratto 40 litri al bagagliaio, che ora misura 240 litri, mentre sono stati ricavati dietro i sedili un apertura passante, attivabile dal sedile del guidatore o del passeggero, e una vaschetta portaoggetti trasversale sistemata dietro i sedili. Che sono sportivi di serie nella MINI Cooper S Roadster, MINI Cooper SD Roadster e MINI John Cooper Works Roadster. L'equipaggiamento di serie comprende un impianto di climatizzazione (MINI Cooper S Roadster, MINI Cooper SD Roadster, MINI John Cooper Works Roadster), il Park Distance Control con sensori nella coda, sedili regolabili in altezza e specchietti retrovisori esterni a regolazione elettrica.

APRITI MINI!
La capote in tessuto funziona in modo molte semplice. Per aprirla, basta ruotare di 130 gradi la manopola in alto vicino al parabrezza e quindi spingerla all'indietro. Il particolare sistema di ripiegatura consente di avere un look elegante anche senza avere il bisogno del tonneau cover. Per l'operazione inversa c'è un comodo sistema pneumatico azionabile con un pulsante che solleva la capote quel tanto perché possa essere afferrata e portata verso il parabrezza per riagganciarla. Ovviamente l'operazione è meno comoda rispetto alla capote con servomotori elettrici, però l'auto risparmia peso (l'incremento è di soli 30 kg rispetto alla coupé), ha un baricentro più basso e guadagna fascino da sportivetta minimal che mette al primo posto handling e prestazioni. A livello di telaio e meccanica, la scocca della MINI Roadster è stata opportunamente rinforzata nella zona maggiormente stressate e sul telaio del parabrezza.

COOPER, S, JCW O SD
I motori della MINI Roadster sono vecchie conoscenze, tutti dotati ovviamente del pacchetto Minimalism ovvero stop&start, recupero dell'energia in rilascio e servizi a portata variabile. La MINI Cooper Roadster ha l'1,6 litri aspirato da 122 CV con il quale accelera da 0 a 100 km/h in 9,2 secondi e raggiunge 199 km/h, la Cooper S con il turbo ha 184 CV e prestazioni nettamente superiori (0-100 km/h in 7 secondi, 227 km/h), ma ancora più cattiva è la John Cooper Works da 211 CV (0-100 km/h in 6,5 secondi, 237 km/h). Il massimo dell'efficienza è dato dalla MINI Cooper SD Roadster con il Diesel 2 litri da 143 CV che denuncia un consumo di 4,3 litri/100 km per 118 g/km di CO2 con una punta massima di 211 km/h e un'accelerazione da 0 a 100 km/h in 8,1 secondi, ma soprattutto può contare su di una coppia di 305 Nm, garanzia di prontezza e brillantezza di marcia da vera MINI. Per tutte il cambio è manuale a 6 rapporti con l'automatico disponibile a richiesta con l'eccezione della Cooper.

Galleria fotografica - MINI RoadsterGalleria fotografica - MINI Roadster
  • MINI Roadster - anteprima 1
  • MINI Roadster - anteprima 2
  • MINI Roadster - anteprima 3
  • MINI Roadster - anteprima 4
  • MINI Roadster - anteprima 5
  • MINI Roadster - anteprima 6

Scheda Versione

Mini MINI Roadster
Nome
MINI Roadster
Anno
2012 - F.C.
Tipo
Premium
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
Spider
Porte
2 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Redazione

Tag: Novità , Mini , auto inglesi


Listino Mini MINI

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
Cooper Roadster anteriore benzina 122 1.6 2 € 25.150

LISTINO

Cooper S Roadster anteriore benzina 184 1.6 2 € 30.200

LISTINO

Cooper SD Roadster anteriore diesel 143 2.0 2 € 31.200

LISTINO

 

Top