dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 25 ottobre 2011

Nissan Green Program 2016

Il nuovo piano ambientale a medio termine della casa giapponese

Nissan Green Program 2016

Nissan Green Program 2016 è il nuovo piano ambientale della durata di sei anni che si pone gli obiettivi di ridurre le emissioni di anidride carbonica, passare alle energie rinnovabili e ampliare la gamma di risorse utilizzate da Nissan. Inoltre, la Casa giapponese ha comunicato che il 70% del budget annuale per ricerca e ingegneristica avanzata sarà destinato alle tecnologie ambientali. In questo modo, Nissan punta alla leadership nel campo delle emissioni zero, nell'efficienza dei consumi e nella riduzione delle emissioni aziendali di CO2, nonché ad una migliore percentuale di riciclaggio a circuito chiuso.

1,5 MILIONI DI AUTO ELETTRICHE ENTRO IL 2016
Entro il 2016, la leadership nel campo delle emissioni zero sarà realizzata attraverso la vendita complessiva di 1,5 milioni di unità di veicoli a emissioni zero assieme a Renault e attraverso lo sviluppo di un nuovo veicolo elettrico a celle di combustibile FCEV, in collaborazione con il partner strategico Daimler AG. Invece, la leadership per efficienza nei consumi sarà raggiunta con il miglioramento del 35% nell'economia dei consumi rispetto alla media aziendale del 2005, attraverso l'introduzione in Giappone, Nord America, Europa e Cina, di un nuovo sistema ibrido a trazione anteriore per i veicoli appartenenti al segmento C o superiore, di un nuovo modello ibrido di tipo plug-in e di una trasmissione a variazione continua di tipo CVT.

RISORSE RICICLATE AL 25% ENTRO QUATTRO ANNI
La leadership nella riduzione delle emissioni aziendali di anidride carbonica sarà raggiunta attraverso la riduzione del 20% delle emissioni di CO2 prodotte dalle attività aziendali per veicolo, con l'ampliamento della portata degli obiettivi misurabili, inclusi logistica, uffici e concessionarie, oltre ai siti di produzione, nonché con l'introduzione delle fonti di energia rinnovabile per gli stabilimenti di produzione e i siti correlati. Infine, la migliore percentuale di riciclaggio a circuito chiuso sarà ottenuta grazie alla definizione di un obiettivo di riciclaggio e all'adozione di uno schema di riciclaggio a circuito chiuso completo, inclusi acciaio, alluminio e materiali plastici. Entro il 2016, quindi, sarà raggiunto un tasso di utilizzo delle risorse riciclate del 25% entro il 2016, anche grazie alla collaborazione con i partner del settore per l'utilizzo dei materiali riciclati dagli scarti di produzione e dai veicoli a fine vita per la produzione di nuovi veicoli, nonché attraverso la riduzione del consumo di materiali rari. Carlos Ghosn, presidente di Nissan e Renault, ha dichiarato a tal proposito che "Sempre più consumatori chiedono prodotti in linea con i loro valori, inclusi veicoli commerciali e vetture con un basso tasso di emissioni di anidride carbonica. Allo stesso tempo, stiamo cercando di sfruttare le tecnologie per rendere i nostri stabilimenti più ecologici e più efficienti. Nissan intende offrire il proprio contributo alla creazione di una società sostenibile, per il bene del pianeta e per ottenere un vantaggio competitivo significativo e un fattore di differenziazione strategico nel settore industriale internazionale".

Autore: Redazione

Tag: Mercato , Nissan , mobilità sostenibile , auto giapponesi , inquinamento


Top