dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 4 luglio 2006

Nissan 350Z GT-S Concept

Nissan 350Z GT-S Concept
Galleria fotografica - Nissan 350Z GT-S ConceptGalleria fotografica - Nissan 350Z GT-S Concept
  • Nissan 350Z GT-S Concept - anteprima 1
  • Nissan 350Z GT-S Concept - anteprima 2
  • Nissan 350Z GT-S Concept - anteprima 3
  • Nissan 350Z GT-S Concept - anteprima 4
  • Nissan 350Z GT-S Concept - anteprima 5
  • Nissan 350Z GT-S Concept - anteprima 6

Cosa fanno gli ingegneri della Nissan nel tempo libero? Semplice, prendono una bella 350Z e la sottopongono a un profondo tuning! Il risultato prende il nome di 350Z GT-S Concept, ed è, nelle intenzioni degli autori, una versione nata per "stuzzicare" quei possessori della normale 350Z che vogliono qualcosa di più.
Sarà presentata al grande pubblico in occasione del Goodwood Festival of Speed (7-9 Luglio). Non è la prima volta che Nissan partecipa a questa manifestazione motoristica proponendo una supercar: infatti, per la 350Z questa è la quarta apparizione di una serie iniziata nel 2003 subito dopo il suo debutto nel mercato britannico, e ogni anno si è mostrata più "cattiva".

Per questa occasione, il direttore del Nissan Communication Department, Wayne Bruce, ha voluto coinvolgere in questo progetto non solo la Casa Madre ma anche il Nissan Technical Centre Europe (NTCE), con sede nel Regno Unito, con una mezza dozzina di suoi entusiasti tecnici, guidati dal capo progetto Steve Robbins.
Sebbene profondamente modificata nel motore, nel telaio e nell'estetica, la GT-S non vuole essere, a detta dei progettisti, un'auto veloce ma difficile da guidare: "La GT-S", spiega Bruce, "è stata creata come un'auto reale e non come un ornamento. Abbiamo voluto costruire una Special che potesse essere usata per andare a lavoro durante la settimana e per dare i brividi nel weekend". E Robbins: "Avremmo potuto realizzare un'auto da corsa potente e dalle sospensioni rigide, ma sarebbe stata virtualmente inutile sulla strada. Invece abbiamo voluto concepire la GT-S da un punto di vista ingegneristico, come una 350Z che da di più in tutto: prestazioni, maneggevolezza, aspetto, comfort ed emozioni".

I principali cambiamenti apportati alla 350Z per trasformarla nella GT-S sono concentrati su motore e telaio. Grazie a un sovralimentatore realizzato dal fornitore svizzero Novidem, la potenza è cresciuta di oltre il 25% passando da 300 CV a 382 CV, mentre la coppia è salita da 353 Nm a 425 Nm. E le prestazioni ne hanno goduto, visto che lo scatto 0-60 mph (da noi il 0-100 kmh) guadagna un secondo (5.8 per la normale 350Z), mentre lo 0-100 mph addirittura 2.5 s. Inoltre il sound del propulsore è più coinvolgente, grazie ad una valvola di by-pass controllata elettronicamente che "arricchisce" la voce dello scarico a determinati giri motore.

Per il tuning delle sospensioni, gli ingegneri Nissan si sono avvalsi della collaborazione degli specialisti della Bilstein, con l'obiettivo di migliorare sia la maneggevolezza sia il comfort di marcia. Gomme più larghe e cerchi più grandi completano le modifiche allo chassis.

All'esterno si nota un kit aerodinamico (alettone, spoiler e minigonne) sviluppato in galleria del vento dalla tedesca Strosek, che non solo conferisce alla nera GT-S un look caratteristico, ma assolve anche a funzioni di incremento della deportanza su entrambi gli assali alle alte velocità.

Il progetto, spiega Robbins, è stato impostato in maniera tale da avere potenziali sbocchi commerciali, con le varie modifiche raggruppate in "pacchetti": un pacchetto motore, un pacchetto sospensioni e un pacchetto aerodinamico, chiudendo un occhio sui costi. Diventerà la GT-S qualcosa di più di un esercizio da weekend di un gruppo di appassionati tecnici? Nissan ufficialmente non si pronuncia, sebbene per molti la sua apparizione a Goodwood sia il segno che la cosa è tenuta in seria considerazione.

Autore: Alessio Ciarnella

Tag: Prototipi e Concept , Nissan


Top