dalla Home

Curiosità

pubblicato il 19 ottobre 2011

I concessionari Chevrolet vanno a "scuola" a Disneyland

In corso lezioni su come conquistare i clienti

I concessionari Chevrolet vanno a "scuola" a Disneyland

Chevrolet vuole migliorare la propria quota di mercato in California e per conquistare la fiducia di nuovi clienti si è rivolto a degli specialisti nell'ambito della customer satisfaction: i responsabili di Disneyland ad Anaheim (Los Angeles), il primo parco divertimenti aperto da Disney nel 1955 che ancora oggi è una delle mete più visitate d'America. Proprio qui i concessionari Chevrolet stanno seguendo delle lezioni teoriche sul servizio al cliente. "Disney ha creato una nuova cultura dell'accoglienza e lo staff del suo parco tematico è amatissimo dal pubblico. Anche grazie a questa sua buona fama è uno dei parchi di maggior successo con milioni di visitatori all'anno", spiega il responsabile delle vendite Chevrolet, Alan Batey.

Per anni il marchio nell'orbita GM ha sofferto in California per un'immagine sbiadita, poco affidabile. In termini di volumi di vendita è dietro a giapponesi e tedeschi, ma con l'arrivo di nuovi prodotti ed il lancio della Volt - l'elettrica Range Extended eletta North American Car of 2011 che ha segnato una svolta per l'azienda e conquistato il Presidente Obama (che si è convinto a concedere un prestito a GM proprio conoscendo questo prodotto) - intende recuperare. Ai concessionari californiani che si assumono l'impegno di rimanere con il marchio per i prossimi dieci anni, GM ha inoltre promesso un incentivo che complessivamente si aggira tra i 60 e i 100 milioni di dollari.

Autore:

Tag: Curiosità , Chevrolet , dall'estero


Top