dalla Home

Test

pubblicato il 12 ottobre 2011

Mercedes Classe B, compatta da record

Su strada con la nuova monovolume di Stoccarda che guadagna comfort e versatilità

Mercedes Classe B, compatta  da record
Galleria fotografica - Nuova Mercedes Classe B - TESTGalleria fotografica - Nuova Mercedes Classe B - TEST
  • Nuova Mercedes Classe B - TEST - anteprima 1
  • Nuova Mercedes Classe B - TEST - anteprima 2
  • Nuova Mercedes Classe B - TEST - anteprima 3
  • Nuova Mercedes Classe B - TEST - anteprima 4
  • Nuova Mercedes Classe B - TEST - anteprima 5
  • Nuova Mercedes Classe B - TEST - anteprima 6

Mercedes Classe B, punto e a capo. Ricomincia infatti dal monovolume compatto tedesco il rinnovamento della parte bassa della gamma di Mercedes che vedrà a seguire altre ben 5 varianti basate sulla medesima piattaforma e il cambio di destinazione d'uso della Classe A , trasferita a compiti più sportivi. A presidiare invece i monovolume rimarrà la Classe B, prodotta dal 2005 in oltre 700mila esemplari, un decimo dei quali in Italia dove la Stella conta di piazzare almeno 10mila pezzi nel 2012.

DISEGNATA DAL VENTO
La Classe B sceglie la continuità nella formula, ma nello stile è ben diversa e cresce notevolmente nelle dimensioni. È lunga infatti 4.359 mm (+266 mm), larga 1.786 mm (+11 mm) e alta 1.552 mm (-52 mm) con un passo di 2.699 mm che si accorcia di 79 mm. Sale anche il peso, ma moderatamente: 40 kg a parità di versione. All'andamento regolare dei fianchi e all'avvolgenza dei parafanghi anteriori sostituisce un muso più prominente, spalle più arrotondate e superfici laterali decisamente più disegnate. Più arrotondata e avvolgente la forma dei fari a Led, più raccordate le superfici tra cofano, parabrezza e tetto. E lo scopo di tutto questo non è stupire l'occhio, ma fendere l'aria. Con il suo Cx di 0,26 la nuova Classe B stabilisce un record assoluto nei monovolume, ottenuto con nuovi metodi di calcolo e con una serie di piccoli accorgimenti, per i quali è stato chiesto il brevetto, che hanno teso a pulire i flussi soprattutto sotto la vettura e intorno alle ruote. E il bello è che con la versione Eco Technology questo livello raggiungerà lo 0,24, record mondiale detenuto dalla stessa Mercedes con la Classe E Coupé. Come faranno? I tecnici tedesca sorridono beffardi, ma ci rispondono che non ce lo possono dire: si tratta di altri ritrovati esclusivi, anch'essi in attesa di essere registrati.

L'ABITACOLO RAGGIUNGE NUOVE ALTEZZE
Anche l'abitacolo ha un'impronta diversa, più giovane e sportiva. Lo spazio non manca, la sensazione è che si sia perso qualcosa per le gambe e si sia invece guadagnato nettamente in altezza nonostante il corpo vettura sia decisamente più basso. Merito dell'assenza del sandwich sotto il pavimento, così anche la testa dei più alti non ha problemi, neppure con il doppio tetto apribile. Salire ai posti anteriori è comodo, meno su quelli posteriori per uno scalino sottile ma piuttosto alto. Delude un po' la sonorità degli sportelli alla chiusura, ma una volta seduti si sta davvero comodi e c'è spazio anche per i gomiti grazie alla forma semplice e ben congegnata dei pannelli laterali. Con il sistema "Easy Vario Plus", si ha il divano posteriore che scorre per 140 mm e lo schienale del passeggero anteriore abbattibile tramite un comodo comando sulla parte alta del fianco. In questo modo si modula il bagagliaio da 486 a 666 litri e si possono portare anche oggetti molto lunghi. A buona altezza e perfettamente a filo con il piano si trova la soglia di carico. Sotto si trova un ampio spazio dove tenere gli oggetti di uso meno frequente. Stupisce che per il abbattere lo schienale posteriore e avere tutti i 1.545 litri dei spazio ci siano solo fibbie posizionate in basso e non maniglie in alto, né tantomeno manopole di sblocco nel vano di carico come su altre auto meno prestigiose. Insomma, per allargare il bagagliaio della Classe B bisogna farlo per forza dall'abitacolo.

IMMAGINI DEL FUTURO IN PLANCIA
Tutta nuova invece la plancia dove spicca sulla sommità il visore del sistema Comand disponibile in due versioni, da 147 0 178 mm. A vederlo sembra una cornice fotografica ed è l'immagine di un'auto al passo con i tempi, con elementi di stile dettati dalla telematica. Volendo si può avere anche la versione online che si collega a Internet e contiene diverse applicazioni Google, come Panoramio e Street View, naturalmente serve per la navigazione e anche per la telecamera di parcheggio. Si governa con la manopola sul tunnel centrale dove si trova un comodo bracciolo con vano sottostante e altri vani dotati di eleganti coperchi basculanti. Spazio lasciato libero dalla leva del freno a mano, elettrico e sulla sinistra del piantone, e anche dalla leva del cambio nel caso ci sia l'automatico, sostituita da una levetta sulla destra dietro al volante. Quest'ultimo è regolabile in altezza e profondità, lascia piena visibilità per gli strumenti ed è tra gli elementi che rende davvero comoda la posizione di guida, con una seduta nettamente più bassa che in passato e comandi perfettamente allineati. Piacciono le bocchette di aerazione circolari con motivo in tinta metallo satinato, in stile SLK, piace anche il capiente cassetto portaoggetti di fronte al passeggero, piace un po' meno la modanatura sulla plancia non all'altezza di una Mercedes, soprattutto quella grigia con trama a nido d'ape.

SICUREZZA DEI RECORD
Un capitolo a parte merita la sicurezza, uno dei piatti forti di questa nuova Classe B, a cominciare dalla struttura che non si affida più alla formula del motore disteso che scorre nel sottovettura in caso di incidente, ma è realizzata quasi interamente in acciai ad alta resistenza con vari carichi di rottura, alcuni sagomati a caldo. I 7 airbag sono di serie (altri due laterali posteriori sono a richiesta) così come l'Attention Assist e il Collision Prevention Assist, una prima per questo segmento, che prima avvisa il conducente e poi agisce sul freno misurando la distanza con l'ostacolo che precede attraverso un radar. Non mancano poi il sistema di parcheggio, il controllo del mantenimento della corsia e dell'angolo cieco, il cruise contro attivo e l'attivazione/disattivazione automatica dei fari abbaglianti. Altra prima per il segmento è il sistema Pre-Safe che mette in allerta tutti i sistemi di ritenzione e li mette in grado di agire al meglio agendo sui sedili, chiudendo i finestrini e i tettucci e tendendo al massimo la cintura che, tra le altre cose, si tira automaticamente ogni volta che viene allacciata.

MOTORI PIÙ PICCOLI ED EFFICIENTI
Tutti nuovi i motori, dotati di cilindrate ridotte, alimentazione con turbo ed iniezione diretta e consumi inferiori fino al 21% rispetto al passato. Lo start/stop è di serie e nuovi sono anche i cambi: un manuale a 6 rapporti e un doppia frizione a 7 rapporti, tutti sviluppati e costruiti in casa. Le unità a benzina sono da 1,6 litri ed erogano 122 CV sulla B180 e 156 CV sulla B200 che con 220 km/h e uno 0-100 km/h in 8,6 secondi è la versione più prestazionale. Per il primo la coppia è di 200 Nm per il secondo di 250 in un arco di regime da 1.250 giri/min (anche questo un record) e poi fino a 4.000 giri/min. Silenziosi, pastosi anche in basso, danno il meglio fino a 5.000 giri/min poi calano di spinta. A soffocarne un po' la verve c'è la lunghezza dei rapporti e anche una scalatura non lineare. Uguali i valori di consumo: 5,9 litri/100 km con 137 g/km di CO2. I Diesel invece sono da 1,8 litri con turbina a geometria variabile ed erogano 109 CV con 250 Nm di coppia sulla B180 CDI e 136 CV e 300 Nm sulla B200 CDI con consumi identici anche in questo caso: 4,4 litri/100 km pari ad emissioni di CO2 pari a 114 g/km. Brillanti, con qualche vibrazione ai bassi regimi, sono regolari in basso e in alto si distendono alla grande. Ben manovrabile il cambio manuale, ma un po' scomodo l'innesto della retromarcia, che obbliga a sollevare la leva e a tirarla verso sinistra e in basso. Gradevole il doppia frizione, dotato anche di levette sul volante e tre programmi di funzionamento (E, S ed M) il cui unico appunto è una certa lentezza nel kick-down. La sua presenza fa però guadagnare 2 decimi in accelerazione.

FACILE E CONFORTEVOLE
Su strada la Classe B è un'auto facile da guidare, con un baricentro più basso che in precedenza anche se con una ripartizione dei pesi meno favorevole a causa del posizionamento più avanzato dei propulsori. confortevole con l'assetto normale dotato di cerchi da 17 pollici, meno con quello sportivo che abbassa l'avantreno McPherson di 15 mm e il sofisticato retrotreno a 4 bracci di 20 mm oltre ad avere i cerchi da 18 pollici e lo sterzo a rapporto variabile. Anche il comando di serie, anch'esso di tipo elettromeccanico, ha buona precisione, ma è ovviamente meno pronto, mentre i freni sono potenti e ben modulabili. Un comportamento insomma che non mette mai apprensione e, se si forza il ritmo, dà anche buone soddisfazioni sul misto mentre in autostrada la tedesca va con buona souplesse, accompagnata da un moderato soffio aerodinamico che non disturba e lascia conversare tranquillamente anche a velocità decisamente elevate. Insomma, si comporta da vera Mercedes.

COMPATTA, NON NEL PREZZO
La Classe B ripropone il mix di spazio e prestigio in dimensioni compatte aggiungendo sicurezza ed aerodinamica da record. Il bilancio sul listino non può essere leggero visto che la B180 a benzina parte da 24.353 euro e può assumere dimensioni inquietanti se si sceglie l'allestimento Premium al posto di quello Executive di base. Ad alleggerire il conto, o almeno a rendere il bilancio del valore più favorevole, ci sono per entrambi gli allestimenti alcuni pacchetti dal prezzo decisamente tagliato rispetto ai contenuti, se fossero scelti uno per uno. I concorrenti? L'Audi A3 Sportback, la Volkswagen Golf Plus ma anche auto come , BMW X1 a due ruote motrici e Citroen DS4. La Classe B insomma vuole confermare la sua vocazione alla conquista di nuova clientela per il marchio continuando a soddisfare chi già la sceglie, principalmente le giovani famiglie con figli. In futuro, poi, ci saranno altri modelli compatti che affiancheranno la nuova Stella e naturalmente anche altri motori e propulsioni alternative per le quali il progetto prevede anche modifiche al pianale per ospitare al meglio serbatoi per il metano, per l'idrogeno e anche batterie per l'ibrido o l'elettrico in ogni loro forma. Un assaggio è stata la Classe B e-cell plus concept, ma il menu prevede anche altro.

Scheda Versione

Mercedes-Benz Classe B
Nome
Classe B
Anno
2011 - F.C.
Tipo
Premium
Segmento
compatte
Carrozzeria
Multispazio
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Test , Mercedes-Benz


Listino Mercedes-Benz Classe B

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
B 180 Executive anteriore benzina 122 1.6 5 € 25.540

LISTINO

B 160 CDI Executive anteriore diesel 90 1.5 5 € 26.360

LISTINO

B 180 CDI Executive anteriore diesel 109 1.5 5 € 27.340

LISTINO

B 200 Executive anteriore benzina 156 1.6 5 € 28.120

LISTINO

B 160 CDI Automatic Executive anteriore diesel 90 1.5 5 € 28.594

LISTINO

B 180 Premium anteriore benzina 122 1.6 5 € 29.180

LISTINO

B 160 CDI Premium anteriore diesel 90 1.5 5 € 29.380

LISTINO

B 180 CDI Automatic Executive anteriore diesel 109 1.8 5 € 29.574

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top