dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 12 ottobre 2011

Pininfarina non produrrà più automobili

Chiude lo stabilimento di San Giorgio Canavese, lasciando a casa 127 persone

Pininfarina non produrrà più automobili

Se non è corretto parlare di chiusura dei battenti, il dato di fatto è che Pininfarina non produrrà più automobili sulle proprie linee di montaggio. E la conseguenza più diretta è che resteranno senza lavoro 127 persone assunte nel settore industriale dell'azienda piemontese - nella sede di Cambiano e nello stabilimento di San Giorgio Canavese - che non può più attingere agli ammortizzatori sociali per i propri dipendenti. Restano ancora in piedi il centro stile e l'ingegneria, la galleria del vento di Grugliasco, le divisioni di ricerca e costruzione di prototipi e vetture speciali e le sedi in Cina, Marocco e Germania.

Dopo la riconversione della fabbrica Bertone di Grugliasco e l'inglobamento dell'Italdesign di Giugiaro all'interno del Gruppo Volkswagen, lo scenario automobilistico che ruota attorno alla città di Torino muta ulteriormente con la dismissione delle linee di montaggio in cui Pininfarina assemblava varianti di carrozzeria coupé o convertibili per costruttori come Ford (con la Focus CC) o Alfa Romeo (con la Brera e la Spider), tanto per citare gli esempi più recenti. Con lo stop alla produzione a San Giorgio Canavese, Pininfarina dismette un altro asset industriale dopo la cessione della fabbrica di Grugliasco nel 2010 alla De Tomaso di Gianmario Rossignolo e l'affitto alla Cecomp delle strutture di Bairo Canavese per la produzione dell'elettrica Blue Car di Vincent Bolloré per il servizio di car sharing attivato in ottobre a Parigi.

Giorgio Ariaudo, della Fiom, ha accolto la notizia sottolineando come si perda la potenzialità di produrre veicoli elettrici per servizi di mobilità sostenibile nelle città italiane, analogamente a quanto la Cecomp sta facendo per la capitale francese. Sempre secondo il responsabile Auto della Fiom è mancato l'apporto delle istituzioni, per convincere i manager dell'azienda a valorizzare le professionalità presenti sul nostro territorio.

Autore:

Tag: Attualità , mobilità sostenibile , parigi , car design , auto elettrica , produzione , lavoro , torino


Top