dalla Home

Tuning

pubblicato il 5 ottobre 2011

AMG Driving Academy arriva in Italia

Adrenalina pura nella giornata passata in pista con le sportive tedesche

AMG Driving Academy arriva in Italia
Galleria fotografica - AMG Driving Academy ItaliaGalleria fotografica - AMG Driving Academy Italia
  • AMG Driving Academy Italia - anteprima 1
  • AMG Driving Academy Italia - anteprima 2
  • AMG Driving Academy Italia - anteprima 3
  • AMG Driving Academy Italia - anteprima 4
  • AMG Driving Academy Italia - anteprima 5
  • AMG Driving Academy Italia - anteprima 6

Tra tutte le piste sparse per lo Stivale, l'onore - ma senza l'onere, considerate le prestazioni in gioco - di ospitare i corsi della AMG Driving Academy Italia è toccato all'autodromo di Franciacorta. Il tracciato bresciano ha fatto da cornice all'appuntamento italiano con la scuola nata nel 2007 in Germania per avvicinare con consapevolezza e responsabilità i clienti della gamma sportiva Mercedes alla pista, così da scoprire le potenzialità e i limiti della propria vettura ed esercitarsi a gestire in un luogo sicuro gli imprevisti che si incontreranno sulle strade. I corsi italiani si articolano in quattro livelli: Base, Avanzato, Pro e Neve: scoprite con noi le emozioni che le AMG ci hanno regalato nel track day di Franciacorta.

SENSIBILITA' E CONTROLLO, ANCHE SULLA NEVE
Il corso di primo livello della AMG Driving Academy (1.100 euro + Iva), della durata di un giorno, si svolge interamente in pista con l'obiettivo di avvicinare il pubblico ad un'esperienza di guida in piena sicurezza. L' Avanzato (2.200 euro + Iva) permette poi di migliorare il proprio stile di guida aumentando la confidenza con il veicolo, anche nelle situazioni più impegnative. L'ultimo step, denominato Pro (3.700 euro+ Iva), è decisamente più tecnico ed è stato pensato per coloro che hanno già maturato esperienza su vetture ad alte prestazioni. Si articola in due giorni, ma questa volta oltre all'aiuto dei piloti-istruttori vi è anche l'ausilio della telemetria, per analizzare i dati a fine sessione. Il corso Neve (2.000 euro + Iva) sviluppa infine la massima sensibilità, dando l'opportunità di provare le vetture AMG su neve e ghiaccio in località esclusive quali Courmayeur, Cortina d'Ampezzo e Livigno.

SEMPLICI MA EFFICACI MANOVRE
Nella prima parte della presentazione, svoltasi nel piazzale dietro i paddock, ci attende un percorso "birillato" suddiviso in tre parti, ideale per mettere alla prova la "nostra" C63 AMG berlina. L'inizio del tracciato simula un impedimento improvviso sulla sede stradale, alla velocità di circa 70km/h: il conducente si trova così a scartare violentemente in frenata l'ostacolo. Questa brusca manovra genera importanti trasferimenti di carico, che grazie anche all'ausilio dell'elettronica vengono però gestiti senza problemi. Nella seconda parte del percorso invece, l'asfalto bagnato fa perdere aderenza alle ruote posteriori in accelerazione: anche in questo caso, grazie al controllo di stabilità, gli oltre 487 CV del V8 vengono domati senza richiedere particolare impegno da parte di chi siede dietro al volante. Con lo slalom disegnato nella terza ed ultima parte del tracciato, infine, ci siamo confrontati con le doti di handling dell'autotelaio di meccanica.

SCENDIAMO IN PISTA
Durante la seconda parte della giornata abbiamo potuto provare in pista buona parte della gamma AMG tra cui la C63 AMG berlina e station wagon, la CLS 63 AMG, la SLS e l'ultima arrivata: la C63 AMG coupé. Proprio queste ultime due colpiscono particolarmente. La SLS per il design - ispirato alla mitica 300SL del 1957 "ali di gabbiano" - per l'ottimo bilanciamento e per la precisione in inserimento curva, nonché per la generosissima erogazione del V8 da 571 CV. La C63 AMG coupé invece, conquista grazie all'ottima maneggevolezza - complice la massa ridotta rispetto alle versioni station wagon e berlina - e al nuovo cambio a sette rapporti "AMG Speedshift MTC", che garantisce un'elargizione di potenza diretta e dinamica, grazie ad una frizione a bagno d'olio compatta in grado di ridurre le interruzioni di trazione tipiche dei cambi automatici tradizionali a convertitore di coppia.

HOT LAP CON MICHELA
A conclusione della giornata abbiamo avuto l'onore ed il piacere di salire a bordo della Mercedes C63 AMG del team Romeo Ferraris, accanto a Michela Cerruti, pilota impegnata nel campionato Superstar Series. Con lei abbiamo percorso due giri di adrenalina pura, tra staccate al limite, accelerazioni brucianti e curve percorse al limite delle leggi fisiche, insomma un'esperienza unica. Grazie Michela!

Autore: Andrea Tagliabue

Tag: Tuning , Mercedes-Benz , guida sportiva


Top