dalla Home

Attualità

pubblicato il 5 ottobre 2011

Il GPL ha alzato la voce

A Roma un convegno ne ha ricordato l'importanza ed i progressi

Il GPL ha alzato la voce

Il GPL ha richiamato ieri l'attenzione delle istituzioni e degli addetti ai lavori nel settore auto con un convegno organizzato a Roma presso la Sala Conferenze di Piazza Monte Citorio da Assogasliquidi, l'Associazione di Federchimica che rappresenta le imprese del GPL, a cui hanno partecipato aziende estere, italiane e rappresentanti politici. L'appuntamento è stato l'occasione per ricordare i progressi tecnologici compiuti da questo tipo di carburante, l'ammontare degli investimenti nel settore e la scaletta di interventi pubblici che si vuole dettare da Roma. Terminati gli incentivi 2010 infatti si è come messo da parte questo tipo di carburante e le vendite sono diminuite. Eppure la sua validità come alternativa resta: il GPL, inquina e costa meno di benzina e Diesel. Rimane però l'ostacolo (purtroppo non da poco) della sua rete di distribuzione, non capillare in Italia.

GLI INVESTIMENTI ESTERI
Nella prima sessione dell'incontro, moderata da Pierluigi Bonora, giornalista e Presidente UIGA (Unione Italiana Giornalisti Automotive), sono state presentate le novità tecnologiche che riguardano il settore del GPL auto. In particolare si è cominciato con l'investimento estero, finlandese in particolare. Petri Lindqvist, Business Development Manager della Neste Oil, colosso petrolifero che punta su bio-propano e bio-diesel notevolmente nei combustibili rinnovabili, ha ricordato che sono quattro gli impianti che producono bio-propano: due in Finlandia, uno a Singapore e uno a Rotterdam, e che questa realtà ormai consolidata può essere immessa sul mercato facilmente senza la necessità di un completo restyling delle infrastrutture. Patrik R. Jones, dell'Università di Turku (Finlandia), ha quindi descritto il lavoro che si sta sviluppando in laboratorio. "Abbiamo scelto il propano come obiettivo primario su cui lavorare perché non è tossico - ha detto -, può essere separato facilmente nel processo e perché esiste già una infrastruttura utilizzabile per l'utente finale".

LO SVILUPPO IN ITALIA
In materia di GPL l'Italia non è da meno, come testimoniano gli investimenti e i risultati ottenuti da Landi Renzo e MTM BRC. Il primo ha ricordato che sta sviluppando un sistema "dual fuel" che miscela i carburanti alternativi con il diesel. "In particolare sui mezzi commerciali e su quelli tipicamente utilizzati dalle flotte municipali (autobus etc.) - ha detto Corrado Storchi, Public Affairs Manager della Landi Renzo Spa -, questa tecnologia consente di aumentare la valenza ecologica degli stessi mezzi, evitando di dover affrontare gli impegnativi costi altrimenti necessari per la loro sostituzione". Anche Danilo Ceratto, Responsabile ricerca e sviluppo del settore automotive per MTM- BRC, ha ribadito la capacità del GPL di abbattere l'inquinamento atmosferico: "L'utilizzo del GPL sui motori ad iniezione diretta aumenta ulteriormente i vantaggi raggiunti ed esalta le caratteristiche ecologiche di questo carburante".

GLI IMPEGNI DELLA POLITICA
La seconda parte del convegno è stata introdotta da Rita Caroselli, Direttore di Assogasliquidi. "Il futuro è già disponibile", ha detto ai rappresentanti di Governo e Parlamento, ribadendo il ruolo utile del GPL nella lotta all'inquinamento. Proprio nel 2010, anno degli incentivi, il raggiungimento della quota di mercato del 18% delle vendite di auto a GPL ha portato l'Italia a superare in termini di riduzione delle emissioni, (emissioni medie delle flotte di veicoli passeggeri vendute annualmente) Francia e Germania, Paesi con una consolidata tradizione automobilistica e con i livelli emissivi più bassi d'Europa. Da parte loro i rappresentanti di Monte Citorio hanno ribadito la volontà di varare degli incentivi per il 2012 (ma si stanno ancora cercando i fondi necessari) e di modificare in seguito la modalità di pagamento del bollo auto non più in funzione della potenza, ma delle emissioni di CO2 per favorire una maggior coscienza ecologica tra gli automobilisti.

Autore:

Tag: Attualità , gpl


Top