dalla Home

Home » Argomenti » Carburanti alternativi

pubblicato il 5 ottobre 2011

Lombardia: i limiti alla circolazione 2011-2012

Dal 15 ottobre al 15 aprile divieto per benzina Euro 0 e Diesel 0,1 e 2

Lombardia: i limiti alla circolazione 2011-2012

Anche per il 2011 tornano in Lombardia i fermi del traffico per le auto meno recenti. Per sei mesi, dal 15 ottobre 2011 al 15 aprile 2012, dal lunedì al venerdì dalle 7:30 alle 19:30, non potranno circolare su tutto il territorio lombardo le auto a benzina Euro 0 (anche dette pre-Euro 1) e le auto Diesel Euro 0, Euro 1 ed Euro 2. Fra i veicoli che rientrano nel provvedimento di limitazione del traffico rientrano anche veicoli del trasporto pubblico locale, come gli autobus M3 (con più di 8 posti a sedere oltre al sedile del conducente e massa massima superiore a 5 t) delle classi Euro 0, Euro 1 ed Euro 2 Diesel, mentre dallo scorso inverno il divieto di circolazione è valido anche per la classe Euro 2 Diesel dei veicoli per trasporti specifici e per uso speciale. Nel periodo interessato dal blocco vigerà anche l'obbligo di spegnimento dei motori degli autobus nella fase di stazionamento ai capolinea e dei veicoli merci nelle fasi di carico/scarico.

I VEICOLI ESCLUSI
Sono esclusi dal fermo 15 ottobre 2011-15 aprile 2012: veicoli elettrici leggeri da città, veicoli ibridi e multimodali, micro veicoli elettrici ed elettroveicoli ultraleggeri; veicoli a metano o GPL con impianto installato in fabbrica o successivamente; veicoli Diesel con filtro antiparticolato; veicoli storici in possesso di attestato di storicità o del certificato di identità/omologazione rilasciato a seguito di iscrizione negli appositi registri storici; macchine agricole; veicoli di servizio pubblico o sociale; veicoli per il trasporto di portatori di handicap muniti di contrassegno; autovetture targate CD e CC. Fra le deroghe ai divieti di circolazione in Lombardia rientrano anche veicoli dei commercianti ambulanti e dei mercati all'ingrosso, esclusivamente per raggiungere il luogo di lavoro e la propria abitazione; veicoli di medici e veterinari in visita urgente;  veicoli utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie di gravi malattie; veicoli utilizzati dai lavoratori con turni lavorativi tali da impedire la fruizione dei mezzi di trasporto pubblico, certificati dal datore di lavoro; veicoli dei sacerdoti e dei ministri del culto di qualsiasi confessione per le funzioni del proprio ministero e veicoli con a bordo almeno tre persone.

DOVE VIGE IL DIVIETO
Il provvedimento esclude autostrade, strade di interesse regionale R1, tratti di collegamento tra le autostrade e le strade R1 e gli svincoli delle stesse e i tratti di collegamento ai parcheggi posti in corrispondenza delle stazioni periferiche dei mezzi pubblici o delle stazioni ferroviarie, oltre che nei comuni aderenti. Il fermo dei veicoli si applica anche ai territori dei Comuni che hanno aderito alle misure regionali: Cava Manara (PV), Zinasco (PV), Castel Rozzone (BG), Madone (BG), Fara Gera d'Adda (BG), Bagnatica (BG).

A questo link il testo completo del provvedimento della Regione Lombardia, dove possono essere consultate tutte le mappe delle zone interessate ed escluse.

Autore:

Tag: Attualità , gpl , metano , blocco traffico , carburanti alternativi , inquinamento , filtro antiparticolato , milano , autostrade , car pooling


Top