dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 30 settembre 2011

Milano, probabile blocco del traffico dal 5 ottobre

PM10 oltre i valori limite da una settimana. Il Comune: "usate i mezzi pubblici"

Milano, probabile blocco del traffico dal 5 ottobre

Ancora cinque giorni e se le concentrazioni di poveri sottili rimarranno superiori alla alla media di 50 microgrammi per metro cubo, a Milano scatterà un altro blocco del traffico, il primo dopo le vacanze estive. Dal 23 settembre, infatti, le centraline di rilevazione PM10 e biossido di azoto dell'Arpa di via Pascal, via Senato e Verziere registrano valori sopra il consentito, come ha fato notare l'assessore alla Mobilità, Ambiente, Arredo urbano e Verde Pierfrancesco Maran, che invita i milanesi a servirsi di più dei trasporti pubblici. "Stiamo vivendo un fine settembre anomalo - ha spiegato Maran pochi giorni fa - con condizioni meteo sfavorevoli alla dispersione delle concentrazioni di polveri sottili. Questo ha determinato il superamento già da cinque giorni del valore limite di Pm10 come rilevato dalle tre centraline Arpa. Principale responsabile di questa situazione, oltre al meteo, è certamente il traffico. Invito i milanesi a limitare il più possibile gli spostamenti con l'auto e di usare il mezzo pubblico. Le previsioni meteo, che danno bel tempo e alta pressione anche per i prossimi giorni non sono positive per il Pm10".

Se si dovessero raggiungere i dodici giorni consecutivi di sforamento il Comune applicherà i provvedimenti d'emergenza previsti dall'ordinanza del precedente Sindaco, Letizia Moratti, che prevede tra gli altri il divieto di circolazione da lunedì a domenica dei veicoli a benzina Euro 0, a diesel Euro 0, Euro 1, Euro 2 senza filtro antiparticolato, ciclomotori, motocicli, e quadricicli a due tempi, Euro 1 ed anche Euro 0 ed Euro 1 a gasolio; il blocco totale del traffico nelle domeniche e nelle giornate festive successive ai dodici giorni di superamento dei livelli; lo spegnimento dei motori degli autobus nella fase di stazionamento ai capolinea, nonché dei motori dei mezzi per il trasporto merci nella fasi di carico e scarico. Allo studio della Giunta Pisapia ci sono misure antismog più rigide: "Da parte nostra lavoriamo ad un provvedimento che ridurrà da dodici a sette, per la prima fase, e da diciotto a quattordici giorni, per la seconda, i tempi di applicazione delle misure emergenziali", ha anticipato Maran, aggiungendo che "I problemi del Pm10 sono però strutturali e molti riguardano il traffico. Per questo è importante che si attuino rapidamente politiche che portino a una sua consistente riduzione".

Autore:

Tag: Attualità , mobilità sostenibile , blocco traffico , trasporto pubblico , inquinamento , milano


Top