dalla Home

Attualità

pubblicato il 29 settembre 2011

Fiat, Toyota e PSA: le più efficienti d'Europa

Sono le Case più vicine all'obiettivo Ue per il 2015

Fiat, Toyota e PSA: le più efficienti d'Europa
Galleria fotografica - 6° Rapporto "How clean are Europe's cars"Galleria fotografica - 6° Rapporto "How clean are Europe's cars"
  • 6° Rapporto \
  • 6° Rapporto \
  • 6° Rapporto \
  • 6° Rapporto \
  • 6° Rapporto \

Nel 2010 in Europa sono state vendute auto più efficienti rispetto all'anno precedente: la media fa 140 g/km di CO2, cioè il 3,7% in meno rispetto al 2009. Ai primi posti della classifica Fiat, Toyota e PSA Peugeot-Citroen rispettivamente con 126, 130 e 131 grammi di CO2 per km, che si confermano le Case con le vetture più efficienti. E' quanto riportato nel sesto rapporto "How clean are Europe's cars" pubblicato dal network europeo Transport&Environment, di cui le associazioni Amici della Terra, Terra! e Legambiente sono partner per l'Italia. Secondo il dossier di T&E, questo trend dimostra che le Case automobilistiche nel complesso potrebbero riuscire dunque a raggiungere l'obiettivo comunitario di 130 g/km di CO2 per il 2015, quando scatteranno le sanzioni per chi supererà tale soglia.

LA CLASSIFICA PER G/KM DI CO2
La classifica per emissioni di CO2 aggiornata al 2010 è dunque la seguente: 1) Fiat, 126 g/km; 2) Toyota 130 g/km; 3) PSA 131 g/km; 4) Renault 136 g/km; 5) Ford 144 g/km; 6) Suzuki 137 g/km; 7) Hyundai 138 g/km; 8) GM 148 g/km; 9) Volkswagen Group 152 g/km; 10) Honda 147 g/km; 11) Nissan 147 g/km; 12) BMW 148 g/km; Mazda 149 g/km; Volvo 157 g/km; Daimler 161 g/km. Rimangono confermate le prime quattro posizioni in classifica, grazie anche al fatto che la gamma di questi gruppi è sbilanciata verso i segmenti più bassi. Il progresso maggiore è stato quello di Volvo, che si è migliorata del 9% ed è riuscita a far avanzare dal sesto al quarto posto anche Ford per effetto della cessione del marchio svedese a Geely, mentre Volkswagen si è migliorata del 6%. Passetto indietro invece per Honda (-0,6%) e Mazda (-0,3%).

IN ITALIA MENO CO2, MA PERDIAMO UNA POSIZIONE
Per quanto riguarda i progressi nelle medie annuali di CO2 emessa in ognuno degli Stati membri, la classifica 2011 vede in testa Danimarca e Portogallo con 127 g/km, seguiti da Francia (131 g/km), Malta (131 g/km) e l'Italia al quinto posto. Nel nostro Paese nel 2010 si sono immatricolate 1.954.123 automobili per una media di 133 g/km di CO2. Si tratta di un taglio del 2,4% rispetto al 2009, quando il valore medio si attestava a 136 g/km, però abbiamo perso una posizione. Danimarca e il Portogallo (Paesi entrambi con tasse automobilistiche basate sulle emissioni di CO2) hanno invece fatto un significativo salto in avanti in termini di riduzione delle emissioni (mediamente 127 g CO2/km), con -8,9% e -5% rispetto al 2009. Non si può dire lo stesso per la Germania che a fronte di quasi 3 milioni di auto immatricolate registra un valore delle emissioni medie della flotta pari a 151 g/km di CO2, ovvero un -1,8% rispetto al 2009.

Autore:

Tag: Attualità , immatricolazioni , unione europea , inquinamento


Top