dalla Home

Curiosità

pubblicato il 26 settembre 2011

Toyota, primato da aria compressa

La ku:rin ha raggiunto il record mondiale di velocità mossa da un condizionatore rovesciato

Toyota, primato da aria compressa

Toyota conquista il record mondiale di velocità per auto ad aria compressa con il prototipo ku:rin che ha raggiunto presso la pista di prova del Japan Automobile Research Institute (JARI) a Shirosato, presso la prefettura di Ibaraki, la velocità di 80,3 miglia orarie pari a 129,23 km/h. La ku:rin è un prototipo a 3 ruote costruito dalla consociata Toyota Industries Corporation e da un gruppo di lavoro denominato Dream Car Workshop composto da 40 persone, dedicato in modo specifico alle applicazioni avanzate della stessa tecnologia e degli stessi principi fisici impiegati per i condizionatori.

COME FUNZIONA
Il motore della ku:rin - il cui nome deriva dalle parole giapponesi ku (aria) e rin (ruota) - è infatti un condizionatore "rovesciato": invece di utilizzare l'energia meccanica per comprimere l'aria, utilizza l'espansione dell'aria compressa per creare energia meccanica capace di muovere un veicolo. Il compressore in questione è ovviamente elettrico, del tipo più avanzato presente sulle automobili e concepito per le auto ibride ed elettriche, una specialità delle Tre Ellissi. La ku:rin è un sigaro lungo 3,5 metri e largo 80 cm e ha il propulsore fissato sulla sospensione posteriore costituita da due lunghi bracci longitudinali, molto simile a quella di una moto. La trasmissione avviene alla ruota posteriore attraverso cinghia dentata in gomma mentre l'alimentazione è fornita da tre bombole ad aria di aria compressa alloggiate in una tasca ricavata dietro al pilota, che siede sdraiato e incapsulato nel guscio del telaio. Il tutto avvolto da forme ultraerodinamiche.

NON E' UN'ALTERNATIVA
Va detto che l'aria compressa non agisce come un carburante, ma come una riserva di energia, come fa l'acqua per una centrale idroelettrica, senza dunque mutare la propria natura dopo aver fornito energia. Naturalmente si tratta di uno sfruttamento energetico molto superficiale della materia e si vede dall'autonomia della ku:rin: due miglia ovvero poco più di 3,2 km. Insomma, non è stata trovata l'alternativa all'auto elettrica né alle batteria al litio, invece Toyota si aggiudica un altro record a emissioni zero dopo quello conquistato al Nurburgring per le auto elettriche. Se la casa giapponese ha intenzione però di produrre auto elettriche, ovviamente non si può dire altrettanto di quelle ad aria compressa. Gli studi sul principio fisico che rende possibile il condizionamento dell'aria potrà rendere questi dispositivi più efficienti e compatti dando il loro contributo all'abbattimento dei consumi e delle emissioni sulle vetture. In linea teorica, il climatizzatore elettrico del futuro potrebbe anche essere utilizzato come accumulatore d'energia, per utilizzare al massimo ogni goccia di benzina o gasolio e ridurre al minimo l'utilizzo della batteria sulle auto ibride ed elettriche. Il vero messaggio della ku:rin è proprio questo.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Curiosità , Toyota , auto giapponesi , auto elettrica , record


Top