dalla Home

Curiosità

pubblicato il 22 settembre 2011

Honda apre in UK il primo distributore di idrogeno

La stazione è già operativa e affianca quelle nate in Germania

Honda apre in UK il primo distributore di idrogeno
Galleria fotografica - Honda crea il primo distributore d'idrogeno in Gran BretagnaGalleria fotografica - Honda crea il primo distributore d'idrogeno in Gran Bretagna
  • Honda crea il primo distributore d\'idrogeno in Gran Bretagna - anteprima 1
  • Honda crea il primo distributore d\'idrogeno in Gran Bretagna - anteprima 2
  • Honda crea il primo distributore d\'idrogeno in Gran Bretagna - anteprima 3

Il futuro prossimo sembra sorridere alla tecnologia ibrida, ma non per questo alcune case automobilistiche rinunciano ad ampliare l'orizzonte verso tecnologie di elettrificazione dell'auto legate all'idrogeno. In passato vi abbiamo riportato in merito le strategie di General Motors (con i marchi Chevrolet ed Opel in primis) e al Salone di Francoforte i piani del Gruppo Daimler, con in prima fila le tecnologie già sviluppate per le vetture Mercedes. Con la realizzazione del primo distributore di idrogeno di tutta la Gran Bretagna - che affianca così l'altro Paese che non trascura l'idrogeno, la Germania - Honda ribadisce ora l'attenzione per l'"oro blu", nonostante possa ancora sembrare una realtà molto lontana.

UNA POMPA "NORMALE", MA PER I PROTOTIPI
L'impianto eretto a Swindon, presso lo stabilimento produttivo Honda, è stato costruito dalla casa giapponese in collaborazione con la BOC, azienda appartenente al Gruppo Linde, e con la Forward Swindon, compagnia per lo sviluppo economico. Il distributore opera già come fosse una stazione di servizio "normale", dove è già possibile recarsi anche con veicoli in fase di sviluppo, per fare rifornimento. E' infatti possibile riempire i serbatoi sia a 350 che a 700 bar di pressione, comprendo così i due standard maggiormente diffusi tra i costruttori automobilistici.

LA CLASSICA GOCCIA NEL MARE
Con i veicoli fuel cell, come la Honda FCX Clarity, la trazione elettrica troverebbe così l'applicazione (sulla carta) più rispettosa dell'ambiente, oltre che l'unica al momento ipotizzabile per i mezzi di trasporto pesanti o che necessitino di coprire lunghe distanze con un singolo rifornimento di carburante. I costi di produzione dell'idrogeno sono il nodo da sciogliere, è vero, ma la diffusione delle infrastrutture per il rifornimento è la chiave per modificare il contesto socio-economico legato all'approvvigionamento di energie alternative al petrolio, come l'elettricità "pura", il metano e l'idrogeno, appunto. Parlando di uno dei costituenti dell'acqua vien da pensare che la creazione di sporadici punti di rifornimento (come il neonato distributore britannico) sia la "classica goccia nel mare": registriamo in ogni caso le prime iniziative, in attesa di scoprire come evolverà il panorama automobilistico.

Autore:

Tag: Curiosità , Honda , idrogeno , auto elettrica , inghilterra , dall'estero , mille miglia , infrastrutture


Top