dalla Home

Home » Argomenti » Prezzi benzina

pubblicato il 20 settembre 2011

Codacons: "No all'IVA al 21% sui carburanti"

L'Associazione chiede al governo di escudere dal rincaro questo tipo di beni

Codacons: "No all'IVA al 21% sui carburanti"

L'aumento dell'IVA dal 20% al 21% scattato sabato scorso ha subito fatto sentire il suo effetto. I listini sono stati immediatamente ritoccati e, nel caso dei carburanti, si è arrivati a cifre stellari: quasi 1,7 euro al litro per la benzina. Aggiornamenti che a pieno regime produrranno, secondo il Codacons, una maggiore spesa a carico dei cittadini sarà pari a +19 euro ad automobile su base annua. "Cifra che, ovviamente, va sommata alla precedente batosta dovuta all'aumento delle accise, pari a 60 euro ad autovettura, per un totale complessivo, su base annua, di +79 euro a veicolo", ricorda il Presidente del Codacons, Carlo Rienzi.

"SI ESCLUDANO I CARBURANTI DALL'AUMENTO DELL'IVA"
A scottare sull'argomento è infatti il già subito rincaro dei mesi scorsi. Prima è arrivata la nuova tassa sul cinema e poi quella, "temporanea" secondo il governo, per l'emergenza immigrazione. Sta di fatto che negli ultimi mesi i carburanti sono aumentati di giorno in giorno. Colpa anche della crisi libica e dell'aumento del prezzo del petrolio a livello internazionale, ma in Italia oggi si paga in media 1,64 euro al litro per la benzina ed 1,52 euro al litro per il gasolio. Il Codacons ribadisce quindi la necessità di escludere dall'aumento dell'aliquota IVA quei beni che, come i carburanti, rischiano di determinare un effetto domino sui prezzi e scatenare una pericolosa spirale inflazionistica.

IL PREZZO DI BENZINA E DIESEL OGGI
I ritocchi verso l'alto di oggi, secondo il monitoraggio di Staffetta Quotidiana, sono di Esso e IP. Il primo ha aumentato di 0,4 centesimi al litro la benzina (1,644 euro al litro) e di 0,7 centesimi al litro il gasolio (1,524 euro al litro). IP ha rincarato ogni litro di entrambi i prodotti di 0,5 centesimi, con la verde a 1,649 euro/litro e il diesel a 1,532 euro/litro. Le medie ponderate nazionali tra i diversi marchi aumentano di un millesimo: la benzina si attesta a 1,642 euro/litro, il gasolio a 1,526 euro/litro.

Autore:

Tag: Attualità , carburanti alternativi , tasse , carburanti


Top