dalla Home

Curiosità

pubblicato il 19 settembre 2011

Nel DNA della nuova Fiat Panda c'è un po' di Germania

La tedesca Bosch fornisce tecnologia alla nuova citycar

Nel DNA della nuova Fiat Panda c'è un po' di Germania
Galleria fotografica - Migliaia di volte PandaGalleria fotografica - Migliaia di volte Panda
  • Migliaia di volte Panda - anteprima 1
  • Migliaia di volte Panda - anteprima 2
  • Migliaia di volte Panda - anteprima 3
  • Migliaia di volte Panda - anteprima 4
  • Migliaia di volte Panda - anteprima 5
  • Migliaia di volte Panda - anteprima 6

E' da considerare "un simbolo storico dell'Italia", almeno secondo Enzo Ferrari. Il "drake"non si riferiva, però, a una delle antenate della 458 Spider. L'auto che aveva in mente era l'antesignana della nuova Fiat Panda, dietro cui oggi c'è anche della tecnologia Made in Germany, sotto forma di sottosistemi, sensori e componenti forniti dalla Bosch.

CON IL COMMON RAIL FU SUBITO FEELING
L'impianto di alimentazione common rail per il motore 4 cilindri turbodiesel da 1.248 cc ormai non fa più notizia, ma l'evoluzione del "flauto" sviluppato dal Centro Ricerche Fiat e in seguito industrializzato proprio dai tecnici Bosch non si è fermata e la nuova Fiat Panda ne ripropone la versione introdotta nel 2009 con la possibilità di iniettare fino ad 8 volte al ciclo il carburante. Parlando di uno dei campi storicamente presidiati da Bosch - i sistemi di sicurezza attiva - i moduli che più influiscono sulla dinamica del veicolo della nuova Panda sono ormai giunti alla nona generazione: la centralina elettroidraulica che assolve le funzioni di antibloccaggio dei freni (ABS) e di controllo della stabilità di marcia (ESP) beneficia di un ulteriore miniaturizzazione dei componenti.

NATA SULL'ASSE TORINO-GERLINGEN
Per facilitare l'utilizzo della nuova Fiat Panda in città Bosch equipaggia l'utilitaria del Lingotto con l'assistente al parcheggio Park Pilot e con il sistema Start&Stop di spegnimento e riavvio del motore. A sigillare il legame fra la "città natale" della nuova Panda e il fornitore di tedesco c'è infine il centro tecnico Bosch creato a Torino alla fine degli anni '90 all'interno dello stabilimento di Mirafiori e nel 1997 affiancato da una divisione commerciale. Nel 2006 fu poi inaugurata una sede indipendente, che ad oggi conta 150 addetti e numerosi collaboratori che sviluppano progetti direttamente presso gli stabilimenti Fiat, FPT (Fiat Powertrain) e Iveco. Il cerchio metaforicamente tracciato tra Italia e Germania sembra dunque chiudersi, con la Panda al debutto "sotto" le luci del palcoscenico di Francoforte e con tecnologia tedesca "sotto" la pelle, ma sviluppata "in casa".

Galleria fotografica - Nuova Fiat Panda al Salone di Francoforte 2011Galleria fotografica - Nuova Fiat Panda al Salone di Francoforte 2011
  • Nuova Fiat Panda al Salone di Francoforte 2011 - anteprima 1
  • Nuova Fiat Panda al Salone di Francoforte 2011 - anteprima 2
  • Nuova Fiat Panda al Salone di Francoforte 2011 - anteprima 3
  • Nuova Fiat Panda al Salone di Francoforte 2011 - anteprima 4
  • Nuova Fiat Panda al Salone di Francoforte 2011 - anteprima 5
  • Nuova Fiat Panda al Salone di Francoforte 2011 - anteprima 6
Galleria fotografica - Nuova Fiat Panda, la presentazione al Salone di FrancoforteGalleria fotografica - Nuova Fiat Panda, la presentazione al Salone di Francoforte
  • Nuova Fiat Panda, la presentazione al Salone di Francoforte - anteprima 1
  • Nuova Fiat Panda, la presentazione al Salone di Francoforte - anteprima 2
  • Nuova Fiat Panda, la presentazione al Salone di Francoforte - anteprima 3
  • Nuova Fiat Panda, la presentazione al Salone di Francoforte - anteprima 4
  • Nuova Fiat Panda, la presentazione al Salone di Francoforte - anteprima 5
  • Nuova Fiat Panda, la presentazione al Salone di Francoforte - anteprima 6

La tecnologia Bosch al Motor Show

Al Motor Show OmniAuto.it ha intervistato Gabriele Allievi, AD Bosch Italia

Autore:

Tag: Curiosità , Fiat , francoforte , auto italiane


Top