dalla Home

Test

pubblicato il 19 settembre 2011

Nuova BMW Serie 1 120d Urban Steptronic

Si candida come la versione più richiesta in Italia. Ecco come va

Nuova BMW Serie 1 120d Urban Steptronic
Galleria fotografica - BMW Serie 1 UrbanGalleria fotografica - BMW Serie 1 Urban
  • BMW Serie 1 Urban - anteprima 1
  • BMW Serie 1 Urban - anteprima 2
  • BMW Serie 1 Urban - anteprima 3
  • BMW Serie 1 Urban - anteprima 4
  • BMW Serie 1 Urban - anteprima 5
  • BMW Serie 1 Urban - anteprima 6

Potremmo definire la città come il trait d'union della prova di 150 km organizzata da BMW per la sua nuova Serie 1, con da una parte l'allestimento Urban della turbodiesel automatica 120d Steptronic che abbiamo guidato e dall'altra il quartiere Citylife che sta sorgendo a Milano, scenario di questo test. Rispetto alle impressioni ricevute dalla precedente prova su strada, quest'esperienza con la compatta premium bavarese si è svolta in un contesto urbano ecosostenibile, costruito con l'obiettivo di raggiungere l'impatto ambientale zero e scelto dalla casa di Monaco per conciliare la propria filosofia costruttiva, orientata alle prestazioni ma anche attenta alle tematiche ambientali dai tempi in cui nacque la tecnologia EfficientDynamics, soprattutto con i propulsori a gasolio. Ed è proprio il 2 litri turbodiesel con cambio automatico ad 8 rapporti che abbiamo guidato, rispettivamente il motore e il cambio che saranno più richiesti nel nostro Paese.

FORME INCONFONDIBILI
Il cofano molto lungo e l'abitacolo arretrato ci fanno subito capire che l'auto che ci troviamo davanti è una Serie 1, anche se si tratta di una vettura sostanzialmente nuova. Cresciuta di 85mm in lunghezza e 17mm in larghezza offre ora una maggiore abitabilità, specie per i passeggeri posteriori (nota dolente della prima serie), e una maggior capacità di carico del vano bagagli. Il frontale invece, ora meno aggressivo, richiama il nuovo family feeling della casa bavarese.

UNA BMW SENZA OMBRA DI DUBBIO
Salendo a bordo si percepisce subito di essere su una BMW della nuova generazione: il cruscotto abbandona lo stile "minimal" del passato pur mantenendo la classica impostazione con la parte centrale orientata verso il conducente dove trovano posto l'autoradio, il clima automatico e lo schermo da 8 pollici del Connected Drive. Impossibile non trovare la posizione di guida ideale grazie al volante regolabile in altezza e profondità e alle innumerevoli regolazioni dei sedili (elettrici nella vettura in prova). Anche la leva del cambio automatico posta sul tunnel centrale è di facile azionamento. Una volta trovata la posizione desiderata si ha la percezione di avere pieno controllo del veicolo. Tutti i comandi sono di facilmente accessibili, sul tunnel centrale trova posto il già noto comando "idrive", una sorta di joystick che permette di controllare le varie funzioni del Connected Drive: una vera chicca della nuova nata che comprende oltre al navigatore satellitare, park assistance e cruise control, anche la possibilità di connettere uno smartphone direttamente all'auto. Ad esempio è possibile visualizzare la propria pagina facebook oppure la rubrica o l'agenda direttamente sul display dell'abitacolo. Inoltre, tramite specifiche applicazioni scaricabili su iPhone o iPad si possono attivare a distanza varie funzioni come l'accensione del climatizzatore, il blocco/sblocco delle porte e la possibilità di localizzare tramite Gps l'auto. Tutto ciò rende la nuova BMW particolarmente accattivante per un pubblico giovane.

LA SPINTA E' VIGOROSA, IL CARATTERE TRIPLICE
Il quattro cilindri common rail, già noto sul precedente modello, eroga ora 184 CV (7 in più rispetto al passato) e una coppia di 380 Nm disponibile fin dai 1500 giri. Si rivela inoltre essere molto silenzioso sia a basse che ad elevate andature. Abbinata a questo motore troviamo la nuova trasmissione automatica ad 8 rapporti Steptronic (optional a 2.200€), in grado di garantire alla Serie 1 passaggi di marcia fluidi e veloci. Esistono poi tre modalità di guida, selezionabili con un apposito comando sulla console centrale: Sport, Comfort ed Ecopro. La prima è votata alla sportività, con una mappatura del motore più "aggressiva" e passaggi di marcia che avvengono a regimi più elevati; la seconda è invece più adatta alla guida di tutti i giorni; la terza, infine, mira alla riduzione dei consumi e delle emissioni inquinanti, agendo sull'erogazione del motore (l'erogazione si ammorbidisce sensibilmente), sul cambio, (la centralina seleziona il rapporto superiore non appena è possibile) e riducendo l'assorbimento di energia dei vari accessori (come il climatizzatore o il riscaldamento di sedili e abitacolo).

UN ASSETTO TUTTO DA GUIDARE
Il comportamento stradale della generazione precedente versione della Serie 1 era orientato all'ottenimento di un buon handling e con la nuova nata le modifiche all'autotelaio hanno portato degli affinamenti. Il passo cresciuto di 30 mm e le carreggiate allargate di 51mm all'anteriore e 72mm al posteriore alla vettura una stabilità a tutta prova e malgrado la taratura non proprio morbida di molle e ammortizzatori le asperità della strada vengono assorbite a dovere, contrariamente a quanto avveniva sul precedente modello. Dello sterzo, punto forte di quest'auto si apprezza la precisione, mentre il rapporto di demoltiplicazione molto diretto regala piacere di guida sia nei percorsi tortuosi che alle andature più elevate.

LA TECNICA LE DA' CERTEZZE, DA CONFERMARE SUL MERCATO
La sensazione ricevuta guidando l'ultima nata di casa BMW è quella di una vettura che introduce contenuti di sostanza, come le differenti tarature dell'assetto e il cambio automatico a otto marce, per provare a ripetere il successo conquistato fin'ora con il precedente modello. Considerato che il prezzo di listino dell'esemplare in prova parte da 33.950 euro, un appunto va fatto alla scelta di offrire alcuni equipaggiamenti solo a pagamento, ma sarà il mercato, in ultim'analisi, a stabilire se la superiore caratura tecnica della nuova BMW Serie 1 possa "sdoganare" il rinnovamento nel look esterno, di rottura rispetto al passato.

Nuova BMW Serie 1

Più spaziosa, più rifinita e ancor più efficiente. BMW rilancia così la Serie 1, la compatta premium bavarese che si evolve preservando la trazione posteriore

Scheda Versione

Bmw Serie 1 cinque porte
Nome
Serie 1 cinque porte
Anno
2011 - F.C.
Tipo
Premium
Segmento
compatte
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Andrea Tagliabue

Tag: Test , Bmw , auto europee , milano


Listino Bmw Serie 1

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
114i Joy posteriore benzina 102 1.6 5 € 23.900

LISTINO

114i Unique posteriore benzina 102 1.6 5 € 25.060

LISTINO

116i Joy posteriore benzina 136 1.6 5 € 25.200

LISTINO

114d Joy posteriore diesel 95 1.6 5 € 25.300

LISTINO

116d Efficient Dynamics Joy posteriore diesel 116 1.6 5 € 26.100

LISTINO

116d Joy posteriore diesel 116 2.0 5 € 26.100

LISTINO

116i Unique posteriore benzina 136 1.6 5 € 26.360

LISTINO

114d Unique posteriore diesel 95 1.6 5 € 26.460

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top