dalla Home

Live

pubblicato il 13 settembre 2011

La nuova Fiat Panda non è solo per donne

Il designer Giolito ci spiega l'identikit della nuova Fiat

La nuova Fiat Panda non è solo per donne
Galleria fotografica - Nuova Fiat Panda, la presentazione al Salone di FrancoforteGalleria fotografica - Nuova Fiat Panda, la presentazione al Salone di Francoforte
  • Nuova Fiat Panda, la presentazione al Salone di Francoforte - anteprima 1
  • Nuova Fiat Panda, la presentazione al Salone di Francoforte - anteprima 2
  • Nuova Fiat Panda, la presentazione al Salone di Francoforte - anteprima 3
  • Nuova Fiat Panda, la presentazione al Salone di Francoforte - anteprima 4
  • Nuova Fiat Panda, la presentazione al Salone di Francoforte - anteprima 5
  • Nuova Fiat Panda, la presentazione al Salone di Francoforte - anteprima 6

Chi critica il design della nuova Fiat Panda perché lo ritiene troppo vicino al mondo femminile deve ricredersi. "Al contrario questa vettura ha più collegamenti con il mondo ormai troppo inflazionato dei SUV, perché è così robusta, così dotata di elementi di protezione, che non è assolutamente una vettura 'gioiellino'". E' un'auto di sostanza, parola di Roberto Giolito, il responsabile del design Fiat che abbiamo incontrato al Salone di Francoforte subito dopo l'affollatissima presentazione della nuova Panda. "Creare una vettura allo stato dell'arte per quanto riguarda la sicurezza attiva e passiva è stato l'ostacolo più grande da superare in fase di progettazione - ci ha spiegato -. Ed anche la fruibilità dei vani e l'usabilità della plancia hanno richiesto particolare attenzione. Tutto ispirandosi alla storia della Panda e non alle mode passeggere".

LE RADICI NELLA FIAT 500
La nuova Panda, ci racconta Giolito, affonda le radici nel periodo del lancio della Fiat 500 e ne eredita molti aspetti, a cominciare dall'attenzione per i dettagli. Le foto purtroppo non riescono a mostrare che, ad esempio, sulle portiere tutta la plastica è stata elaborata per riprodurre in rilievo la piccola scritta "PANDA" sull'intera superficie. Inoltre questa è una vettura che, come la 500, si presta alle personalizzazioni (ne ha quasi 600) ed il fatto che la clientela femminile, la più esigente, la guardi già con molta attenzione significa per Giolito che la nuova Panda parte molto bene sul mercato. E per non deludere i clienti del passato il designer dice: "Abbiamo mantenuto la Panda com'era rifacendola tutta, soprattutto per ciò che si vede, in termini di design. Abbiamo rivitalizzato molteplici aspetti: le grafiche sono diventate più chiare e facili da identificare". Lo spirito Panda è quindi intatto. Anche negli interni.

INTERNI FEDELI ALL'IDENTITA' "PANDA"
Gli interni sono una parte fondamentale della nuova Panda e, come abbiamo detto, mantengono intatte le rinomate doti di versatilità. C'è una gran quantità di vani, aperti e chiusi, "perché si è voluto accogliere i passeggeri in un ambiente piacevole e colorato, ma anche qui si è evitato ogni tipo di eccesso - spiega Giolito - . Quindi la plancia sottolinea soprattutto la disposizione delle bocchette di ventilazione, sembra facile ma non è immediato poter disporre dei comandi su un elemento grafico così preciso". E in effetti la lettura del quadro strumenti è chiara, tutti i comandi sono a portata di mano e la comodità, anche sui sedili passeggeri è confermata. Non ci rimane che saggiarne le doti su strada.

Autore:

Tag: Live , Fiat , francoforte


Top