dalla Home

Attualità

pubblicato il 20 giugno 2006

Aumentano i “Tutor” sulle autostrade

Aumentano i “Tutor” sulle autostrade

Autostrade per l'Italia ha deciso di estendere il numero di "Tutor", il sistema di controllo della velocità media gestito dalla Polizia Stradale.
Nuovi dispositivi saranno installati entro l'estate nelle tratte più' critiche, dove si registrano tassi di mortalità particolarmente elevati fra cui l'A14 tra Pescara e Cerignola in entrambe le direzioni - pari a circa 210 km - e la tratta dell'A26 in direzione sud tra Ovada e la diramazione A26/A7 - pari a circa 30 km.

L'iniziativa è stata definita nell'ambito dell'ultima riunione della "Consulta per la Sicurezza e la Qualità del Servizio Autostradale" istituita in collaborazione con Adoc, Adusbef, Codacons e Federconsumatori con la partecipazione di Polizia Stradale, ASAPS (Associazione Sostenitori Amici Polizia Stradale) e del mensile Quattroruote.

Segnaliamo altre due interessanti novità presentate dalla Consulta:
Da venerdì 16 giugno, su richiesta delle Associazioni dei Consumatori, viene esposto sui pannelli a messaggio variabile del tratto Roma-Napoli un messaggio che scandirà, come monito, il numero dei morti registrato da inizio anno su quel tratto di strada, accompagnato da un invito a guidare con prudenza. Lo scopo è quello sensibilizzare automobilisti e camionisti ad una condotta di guida prudente e responsabile, con statistiche che mostrano come oltre il 90% degli incidenti mortali sia dovuto ad errati comportamenti dei conducenti.

A breve sarà inoltre distribuito attraverso settimanali e riviste di settore il depliant sulla sicurezza stradale, realizzato in collaborazione con Anas, Polizia Stradale e Associazioni dei Consumatori. Le informazioni al suo interno cercheranno di sfatare i luoghi comuni che spesso orientano in modo errato i comportamenti di guida.

Ci sono poi alcune novità importanti sul fronte degli investimenti per la sicurezza delle autostrada. In particolare è stata confermata l'estensione della pavimentazione coperta con asfalto drenante dal 55% del 2005 a circa il 70 % della rete ed investimenti in manutenzione delle pavimentazioni pari 19 milioni di mq. Interventi sono previsti anche per la manutenzione delle barriere di sicurezza spartitraffico per oltre 320 KM, l'adeguamento degli impianti di illuminazione, ventilazione e dei sistemi antincendio di oltre 460 gallerie (termine del piano entro il 2009).

I propositi sono tanti e buoni, ma ci riserviamo di verificarli sul campo. Non appena saranno realizzati si intende!

Autore: Alessandro Lago

Tag: Attualità


Top