dalla Home

Curiosità

pubblicato il 8 settembre 2011

Motore molecolare: per le automobiline di domani?

La Tufts University crea un motore 60.000 volte più piccolo del diametro di un capello

Motore molecolare: per le automobiline di domani?

Si chiama motore molecolare ed è il propulsore elettrico più piccolo del mondo. Composto da un'unica molecola di solfuro di metile butile è stato chiamato anche "nanomotore elettrico" e potrebbe aprire la strada a una nuova classe di nanodispositivi con applicazioni dalla medicina all'ingegneria e perché no, magari ai... modellini in scala. E' osservabile solo al microscopio e consiste in una molecola contiene zolfo e ha 18 atomi di carbonio e idrogeno che somigliano a due bracci. Queste catene di carbonio sono libere di ruotare se stimolate elettricamente.

Charles Sykes, il ricercatore che ha coordinato il progetto del motore molecolare, ha dichiarato che "per la prima volta abbiamo realizzato un motore molecolare a trazione elettrica e siamo stati in grado di dimostrare che è possibile fornire energia elettrica a una singola molecola e farle fare qualcosa che non è solo casuale. Non appena avremo una migliore comprensione sulle temperature necessarie per rendere funzionale questo motore ci potrebbero essere applicazioni reali in minuscoli sensori e dispositivi medici".

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , auto elettrica , statistiche


Top