dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 14 settembre 2011

Opel RAK e Concept

2 posti in tandem, 100 km con 1 euro e 120 km/h

Opel RAK e Concept
Galleria fotografica - Opel RAK e ConceptGalleria fotografica - Opel RAK e Concept
  • Opel RAK e Concept - anteprima 1
  • Opel RAK e Concept - anteprima 2
  • Opel RAK e Concept - anteprima 3
  • Opel RAK e Concept - anteprima 4
  • Opel RAK e Concept - anteprima 5
  • Opel RAK e Concept - anteprima 6

Automobili a due posti, come una smart, disposti uno dietro l'altro "in tandem", come su una motocicletta, e spinte da motori elettrici. E' questo l'identikit delle nuove piccole citycar che le Case automobilistiche stanno presentando al Salone di Francoforte (15-25 settembre). Tanto da poter coniare, ormai, una denominazione specifica per queste "supermini", che si posizionano alla base del segmento A del mercato. L'ultima in ordine cronologico a svelare il proprio prototipo è la Opel, che al suo stand espone la RAK e Concept, un veicolo elettrico per cui dichiara quasi 100 km di autonomia e 120 km/h di velocità massima, enfatizzando come la citycar elettrica Opel sposi perfettamente le esigenze di automobilisti giovani e che vogliano un mezzo di trasporto molto economico nei costi d'esercizio (100 km con 1 euro di elettricità). Le misure sono quasi da scooter, con una lunghezza di circa 3 metri e un'altezza di 1 metro e 19 centimetri.

TRE VOLTE PIU' LEGGERA DI UNA CITYCAR
La velocità di punta dichiarata per la Opel RAK e Concept non esclude tratti autostradali dal tipico tragitto casa-lavoro che i pendolari di tutta Europa compiono quotidianamente. Le batterie, dal canto loro, soddisferebbero le esigenze medie di mobilità del Vecchio Continente, stimate in 40-50 km giornalieri per ogni commuter. La disposizione "in fila indiana" dei posti ha permesso di realizzare uno stile esterno molto moderno e ispirato all'aeronautica (oltre che all'elettrica di famiglia, l'Opel Ampera), i cui vincoli hanno altresì dettato scelte tecniche come la carenatura delle 4 ruote, di grande diametro e ridotta sezione per abbattere la resistenza al rotolamento. Ultimo, ma non meno importante, è quanto dichiara Opel per il peso della sua nuova piccola citycar elettrica, pari a un terzo di una piccola convenzionale (380 kg a vuoto). Il motore elettrico da 14 CV di potenza continua e 49 CV di picco dovrebbe poi garantire prestazioni interessanti

LE PROTAGONISTE DI UN NUOVO MONDO
Dopo l'apripista Renault Twizy e la coppia tedesca Audi Urban Concept e Volkswagen Nils, con la "Opel RAK e" si può dire che il sottosegmento dei veicoli urbani a zero emissioni nasca ufficialmente con il Salone di Francoforte 2011. Chi ha fatto da apripista, infine, si rinnova anch'essa nel segno dell'elettricità: è la nuova smart forvision, prototipo che anticipa la terza generazione della prima biposto arrivata sul mercato, ma che ora si trova in (numerosa) compagnia.

Galleria fotografica - Opel al Salone di Francoforte 2011Galleria fotografica - Opel al Salone di Francoforte 2011
  • Opel al Salone di Francoforte 2011 - anteprima 1
  • Opel al Salone di Francoforte 2011 - anteprima 2
  • Opel al Salone di Francoforte 2011 - anteprima 3
  • Opel al Salone di Francoforte 2011 - anteprima 4
  • Opel al Salone di Francoforte 2011 - anteprima 5
  • Opel al Salone di Francoforte 2011 - anteprima 6

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Opel , mobilità sostenibile , auto europee , francoforte , auto elettrica


Top