dalla Home

Test

pubblicato il 16 giugno 2006

Ford Fusion 1.4 Tdci Collection

Ford Fusion 1.4 Tdci Collection

UAV: Urban Activity Vehicle. Un'acronimo appositamente coniato quattro anni fa, per identificare quello che in effetti è stato il primo modello a fare da trait d'union fra i segmenti B e C e per di più nel particolare segmento delle vetture multiuso.
Stiamo parlando della Ford Fusion che lo scorso febbraio è stata aggiornata al cosidetto "model year" 2006. Un restyling caratterizzato da lievi affinamenti estetici concentrati nella parte anteriore, con modifiche alla fanaleria, alle griglie di raffreddamento ed al paraurti, che donano maggior personalità ed importanza al frontale. All'interno le novità sono rappresentate dal nuovo volante e dai inediti materiali di rivestimento per plancia e console centrale. Numerose poi sono le migliorie tecniche: computer di bordo e climatizzatore di nuova generazione, sistema di controllo "Voice Control", accensione fari ed azionamento tergicristalli automatici, retrovisori esterni ripiegabili elettricamente, nuovo sistema audio e connettore Aux-in per Mp3.
Due gli allestimenti disponibili, "Plus" e "Collection"; quest'ultimo, oggetto del nostro Test, riconoscibile esternamente per la presenza dei cerchi in lega da 16" e delle modanature aggiuntive posizionate lungo tutta la parte inferiore della vettura, passaruota compresi.

Posto guida
Il posto guida della Fusion risulta leggermente rialzato, con una posizione ergonomicamente corretta sia del sedile che della leva cambio. I comandi sono tutti facilmente raggiungibili; il volante è regolabile in altezza e bastano pochi instanti per trovarsi a proprio agio. Il merito è anche della buona visibilità che favorisce la percezione degli ingombri nel traffico cittadino e nelle manovre di parcheggio.

Strumentazione
La plancia si presenta con forme classiche e molto razionali, forse stilisticamente un po' fredde rispetto a concorrenti più recenti. Da notare l'impegno della Ford nel migliorare la qualità delle plastiche, spesso criticate per l'eccessiva rigidezza.
Così, la Fusion 2006 sfoggia sull'intera plancia un inedito rivestimento soft touch, decisamente superiore in termine di qualità percepita al tatto, ma dall'aspetto un pò posticcio. Ottima la visibilità e la leggibilità di quadranti e anche il display del computer di bordo risulta ben dimensionato.
L'impianto di climatizzazione automatico ha una regolazione al "mezzo grado", con bocchette ben dimensionate ed un'efficienza di raffreddamento nella media.

Abitabilità e Bagagliaio
Il guidatore e il passeggero anteriore della Fusion godono di ampia libertà di movimento in tutte le direzioni. Lo spazio dietro è invece un po' più scarso a causa del limitato spazio a disposizione per le gambe.
Il divano posteriore è fisso mentre lo schienale è frazionabile 1/3 - 2/3; lo schienale sedile anteriore è ribaltabile in avanti. Non mancano vani per gli oggetti: uno è sulla parte superiore plancia, uno è quello classico di fronte al passeggero, un terzo è sotto la strumentazione. Ci sono poi portaoggetti su tasche laterali sportelli anteriori e tunnel centrale. Sul retro del sedile guidatore c'è anche una tasca portacarte.
La capacità del bagagliaio è di circa 330 litri; la forma del vano è regolare con una soglia di carico abbastanza bassa e quasi a filo del paraurti. Il piano di carico non è però uniforme quando si ribaltano tutti i sedili.

Su strada
I numeri sulla carta sono piuttosto eloquenti: i 68 cavalli del turbodiesel common rail di 1.4 litri non promettono miracoli prestazionali (velocità massima: 158 km/h. - accelerazione 0-100 km/h: 16 secondi) e indirizzano il guidatore verso un utilizzo tranquillo, ripagato da consumi contenuti, che nell'arco del test si sono attestati su valori compresi tra i 14 km/litro in città ed i 18 km/litro su strade statali. Sempre in relazione alla potenza in gioco, l'accelerazione nelle prime due marce è da ritenersi nella norma, ma migliora progressivamente nei rapporti superiori soprattutto quando si superano i 90 km/h. In autostrada la velocità da codice si raggiunge abbastanza rapidamente e viene mantenuta con facilità.
Identica "evoluzione" abbiamo riscontrato sul fronte della rumorosità meccanica: invadente al minimo e nelle prime tre marce, cambia di tono con l'aumentare della velocità fino ad assumere caratteristiche "normali" dai 100 km/h in poi. Notevole l'elasticità che permette di riprendere in 5a marcia da 1.000 giri senza sussulti. La ripresa è un po' lenta, ma migliora non appena si superano i 1.900-2.000 giri. Per chi ricercasse prestazioni generali superiori è consigliabile la versione 1.6 Tdci da 90 cavalli.
Ottimo il cambio; morbido negli inserimenti e breve nella corsa, è caratterizzato da innesti precisi e mai contrastati, coadiuvato da una frizione modulabile e abbastanza leggera da azionare. Positive anche le caratteristiche dello sterzo: leggerezza non eccessiva, discreta prontezza e precisione, omogeneità di risposta e ritorno controllato, vanno a beneficio del confort di guida e concorrono al buon feeling con il manto stradale. Il raggio di sterzata piacevolmente ridotto favorisce le inversioni e parcheggi in spazi ristretti.
Le sospensioni, leggermente cedevoli e poco frenate nella parte iniziale della corsa, si induriscono successivamente, scongiurando fenomeni di rollio eccessivo e beccheggio nei lunghi curvoni autostradali, anche in presenza di avallamenti o irregolarità dell'asfalto. Il comportamento è generalmente sottosterzante e se sollecitata da una condotta di guida sportiva, la Fusion scivola dolcemente sulle quattro ruote alternando anche del sano sovrasterzo che aiuta a chiudere la curva. Encomiabile la risposta in seguito all'eventuale presenza di buche in traiettoria: la vettura mantiene con rigore la linea impostata, senza scarti eccessivi e reazioni sullo sterzo. Il buon livello di confort generale è penalizzato solo dalla già citata rumorosità meccanica.
L'impianto frenante misto dischi/tamburi con ABS + EBD offre una potenza adeguata. Buona modulabilità e grande direzionalità nelle frenate di emergenza, dove si può contare sull'utile funzione di inserimento automatico dell'hazard.

Equipaggiamento e Prezzi
L'allestimento Collection da noi provato, comprende una buona dotazione di serie (non c'è però il climatizzatore) ed è abbinato al motore 1.4 Tdci ha un prezzo di listino di 15.900 EURO. Quest'ultimo appare allineato alla concorrenza, ma di fatto è soggetto a sconti interessante da parte dei singoli concessionari o dalla Ford Italia che lancia periodiche promozioni. Attualmente, ad esempio, la Fusion 1.4 Tdci viene offerta con doppio airbag, ABS, Climatizzatore, volante in pelle e connettore Aux-in per Ipod a 12.950 EURO.

Scheda Versione

Ford Fusion
Nome
Fusion
Anno
2002 (restyling del 2006)
Tipo
Lowcost
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Giovanni Ceccarelli

Tag: Test , Ford

Iscriviti alla Community

Scrivi un commento

Condizioni d'uso
Top