dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 12 settembre 2011

Audi Urban Concept

Il prototipo biposto elettrico nasce a Francoforte

Audi Urban Concept
Galleria fotografica - Audi Urban Concept SpyderGalleria fotografica - Audi Urban Concept Spyder
  • Audi Urban Concept Spyder - anteprima 1
  • Audi Urban Concept Spyder - anteprima 2
  • Audi Urban Concept Spyder - anteprima 3
  • Audi Urban Concept Spyder - anteprima 4
  • Audi Urban Concept Spyder - anteprima 5
  • Audi Urban Concept Spyder - anteprima 6

E' l'auto più visionaria del già futuristico stand Audi per il Salone di Francoforte (15-25 settembre), ma ha un sapore retro. Lo si può vedere dalle foto dell'Audi Urban Concept, piccola biposto di colore bianco perlato: la calandra single frame nasconde la presa per la ricarica elettrica, domina il muso come il radiatore delle Auto Union da competizione e dietro le ruote scoperte non è difficile immaginarsi Tazio Nuvolari alla guida. Ma anziché sentire il rombo di un 16 cilindri alimentato da una miscela di benzina e alcol, la "1+1" pensata per la mobilità urbana del futuro produrrebbe soltanto il caratteristico ronzio dei motori elettrici. Le misure sono minime e vanno da una lunghezza di 3.219 mm al una larghezza di 1.678 mm passando per un'altezza di 1.189 mm.

LA BIPOSTO A TETTO SCORREVOLE
Le unità propulsive sono infatti due (della famiglia e-tron), installate sul retrotreno per lasciare spazio alle batterie agli ioni di litio al centro della vettura, a favore di una migliore dinamica del veicolo. Le carenature complete delle ruote - da 21 pollici - hanno poi un'importante funzione aerodinamica, mentre la distribuzione dei pesi (480 kg totali) è favorita dalla realizzazione dell'abitacolo dell'Audi Urban Concept, in composito di fibra di carbonio CFRP. Il posto guida caratterizzato dal sedile regolabile nell'estensione del volante e della pedaliera, per alleggerire la struttura del sedile a guscio, che rimane fisso e integrato alla scocca (come l'altro sedile, del resto, arretrato di 30 cm). Curioso è anche il vano di carico posteriore, che fuoriesce dalla vettura come un cassetto.

RICARICA SENZA FILI, ANCHE PER LA SPYDER
Ai due posti sfalsati si accede attraverso l'apertura del tetto, che scorre indietro in stile aeronautico, quasi aerospaziale. In questo modo, le fiancate restano solidali al padiglione, mentre il tetto scorre longitudinalmente all'indietro. I sedili sono posizionati molto vicino al suolo, realizzando così un limitato sviluppo verticale della carrozzeria e quindi una bassa resistenza aerodinamica. La batteria agli ioni di litio da 7.1 kWh permette ai due motori da 20 CV e 47 Nm totali di raggiungere una velocità massima autolimitata di 100 km/h, di passare da 0 a 100 km/h in 16,9 secondi e di percorrere circa 73 chilometri con una carica completa, ottenibile in circa 1 ora di connessione alla rete da 230 volt. Una novità assoluta è rappresentata dall'Audi Wireless Charging (AWC), sistema di ricarica senza fili che per induzione permette di "riempire" le batterie semplicemente parcheggiando su di un'apposita piastra magnetica annegata nell'asfalto. Al Salone di Francoforte (15-25 settembre) l'Audi Urban Concept è affiancata anche dalla variante Spyder, dotata di parabrezza avvolgente e dal profilo degradante verso la coda e di rollbar a fuoriuscita automatica.

Galleria fotografica - Audi Urban ConceptGalleria fotografica - Audi Urban Concept
  • Audi Urban Concept - anteprima 1
  • Audi Urban Concept - anteprima 2
  • Audi Urban Concept - anteprima 3
  • Audi Urban Concept - anteprima 4
  • Audi Urban Concept - anteprima 5
  • Audi Urban Concept - anteprima 6

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Audi , mobilità sostenibile , francoforte , auto elettrica


Top