dalla Home

Mercato

pubblicato il 16 agosto 2011

Fiat 500, obiettivo difficile per il Nordamerica

Le 50mila unità non saranno raggiunte, ma continua la promozione

Fiat 500, obiettivo difficile per il Nordamerica
Galleria fotografica - Fiat 500 Cabrio per gli USAGalleria fotografica - Fiat 500 Cabrio per gli USA
  • Fiat 500 Cabrio per gli USA - anteprima 1
  • Fiat 500 Cabrio per gli USA - anteprima 2
  • Fiat 500 Cabrio per gli USA - anteprima 3
  • Fiat 500 Cabrio per gli USA - anteprima 4
  • Fiat 500 Cabrio per gli USA - anteprima 5
  • Fiat 500 Cabrio per gli USA - anteprima 6

La Fiat 500 non riuscirà con ogni probabilità a raggiungere gli obiettivi di vendita prefissati all'inizio dell'anno. Lo ha dichiarato all'agenzia Bloomberg la brand manager del marchio italiano per il Nordamerica, Laura Soave, la quale ha ammesso che le 50mila unità previste per il 2011 sono un traguardo difficile portando come giustificazione parziale il rallentamento dello sviluppo della rete di concessionari e l'ovvia mancanza di immagine di Fiat, rimasta assente per molti anni dopo numerose brutte figure in fatto di affidabilità che le avevano fatto guadagnare il soprannome di FIAT quale acronimo di "Fix It Again Tony" (in italiano: aggiustala di nuovo Tony).

PARTITA IN RITARDO, DUE MESI IN ACCELERAZIONE
La 500 in due mesi di effettiva commercializzazione ha venduto 7.982 unità negli USA e 3.064 in Canada per un totale di poco più di 10mila unità, troppo poche per pensare di raggiungere le 50mila alla fine dell'anno, anche confidando nell'accelerazione delle vendite, di circa il 30% negli USA in luglio rispetto a giugno, e nell'allargamento della rete di concessionari dai circa 100 attuali ai 130 per la fine dell'anno. Il ritardo c'è stato anche nella partenza effettiva delle rete che - a detta della Soave - ha fatto perdere alla 500 almeno tre mesi di presenza sul mercato.

LE PROVERÀ TUTTE PER FARSI NOTARE
Per spingere ulteriormente la piccola italiana costruita in Messico sono state messe in campo alcune iniziative di guerrilla marketing, ma anche grandi eventi come l'esposizione di 36 auto a Times Square, nel cuore di New York City. A promuovere la 500 ci saranno eventi analoghi in programma a Chicago, Miami e Santa Monica, uno delle località più "in" della megalopoli di Los Angeles mentre nel resto del paese ci sono 15 piccole flotte di 500 che girano per suscitare attenzione presso il pubblico americano, cosa non certo difficile viste la differenza di taglia con il parco circolante d'Oltreoceano. Ci sono anche nuovi spot andati in onda su Internet, nei cinema e in TV e in campo sono state messe anche campagne di finanziamento che offrono un tasso dell'1,9% per 36 mesi. Un'altra ondata di promozioni è attesa per settembre con l'obiettivo di lanciare lo sprint per la parte finale dell'anno.

SI ALLARGA LA GAMMA. E NON SOLO...
Per il 2012 ci sono invece parecchie novità sulla quale Laura Soave potrà contare, ma con la responsabilità di preparare per esse un terreno favorevole. La prima è la 500C con tetto apribile in tela, la seconda è la Abarth con l'1,4 litri turbo da 160 CV alla quale seguirà a ruota la versione EV elettrica il cui prezzo dovrebbe partire da 32mila euro. Per il 2013 è attesa infine un'ulteriore 500, stavolta con carrozzeria rialzata a 5 porte e che ricorderà la 3 porte solo all'esterno, ma avrà dimensioni maggiori e sotto un pianale diverso. Si tratta del piccolo monovolume che la Fiat costruirà in Serbia e che negli USA sarà commercializzato con il nome 500 accompagnato da qualcos'altro.

Galleria fotografica - Fiat 500 per l'AmericaGalleria fotografica - Fiat 500 per l'America
  • Fiat 500 per l\'America - anteprima 1
  • Fiat 500 per l\'America - anteprima 2
  • Fiat 500 per l\'America - anteprima 3
  • Fiat 500 per l\'America - anteprima 4
  • Fiat 500 per l\'America - anteprima 5
  • Fiat 500 per l\'America - anteprima 6

Autore: Redazione

Tag: Mercato , Fiat


Top