dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 11 agosto 2011

Incidente all’estero: come avere il rimborso

Cambia tutto rispetto ai sinistri in Italia

Incidente all’estero: come avere il rimborso

Volete che qualcosa non accada? Allora parlatene subito! Reciterebbe così il buon senso comune. Proprio per questo, OmniAuto.it in queste poche righe prenderà in esame una sventura: un incidente d'auto all'estero. Sì, uno aspetta tutto l'anno di andare in vacanza in macchina in un Paese all'estero, e qui viene tamponato da un automobilista straniero distratto. Una beffa è di per sé già abbastanza, dunque vediamo come ottenere il risarcimento nel più breve tempo possibile, e per intero. Occhio però, una premessa è d'obbligo per capire quale sia la strada giusta: la burocrazia è implacabile e va rispettata in pieno.

LA PREMESSA
In base alla direttiva comunitaria 2000/26/CE, le compagnie assicuratrici devono nominare un mandatario in ogni Stato dello Spazio Economico Europeo in cui non hanno sede legale: vi appartengono i 27 Paesi membri dell'Unione Europea (come potete verificare qui), più Islanda, Liechtenstein e Norvegia. Utile anche sapere subito quali sono i Paesi del Sistema Carta Verde (il documento di assicurazione internazionale): Albania, Andorra, Austria, Belgio, Bielorussia, Bosnia Erzegovina, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Iran, Irlanda, Islanda, Israele, Italia, Lituania, Lettonia, Lussemburgo, Macedonia, Malta, Marocco, Moldavia, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Romania, Serbia e Montenegro, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Tunisia, Turchia, Ucraina, Ungheria.

ECCOCI AL DUNQUE
All'estero, l'indennizzo diretto non si applica: non potrete perciò chiedere il risarcimento alla vostra Assicurazione. In ogni caso, il primo passo è compilare il Modulo Blu, comunque utile per ricostruire con precisione la dinamica dell'incidente. In quel documento, riportate ogni dettaglio dell'altro guidatore e della sua Compagnia. Se l'incidente è avvenuto nel Sistema Carta Verde, provocato da un veicolo immatricolato e assicurato nello Spazio Economico Europeo, contattate l'Isvap (Istituto per la vigilanza sulle Assicurazioni private). Ecco i recapiti dell'istituto. Indirizzo: Via del Quirinale, 21 - 00187 Roma; telefono: +39 06 421331; fax: +39 06 42.133.206; e-mail: scrivi@isvap.it. Sarà infine l'Isvap a indicarvi il mandatario (nominato in Italia) della Compagnia che assicura il responsabile del sinistro.

IL PROBLEMA
L'Assicurazione estera non ha un mandatario in Italia? Oppure non vi rispondono entro tre mesi dalla presentazione della domanda di rimborso? Chiedete l'intervento dell'Uci, Ufficio centrale italiano per i veicoli a motore in circolazione internazionale, la cui sede si trova in Corso Sempione, 39 - 20145 Milano.

ANCORA PIÙ COMPLESSO
Se l'incidente è avvenuto nel Sistema Carta Verde, ma il veicolo responsabile dell'impatto non è immatricolato e assicurato nello Spazio Economico Europeo, chiedete il risarcimento danni alla Compagnia di chi ha causato il sinistro. Se addirittura l'incidente è accaduto nello Spazio Economico Europeo, ma il veicolo è non identificato o non assicurato, entro due mesi dal sinistro rivolgetevi all'Uci.

E IN SVIZZERA...
Senza scendere nel dettaglio delle normative, analizziamo a parte un incidente in Svizzera (che rientra comunque nel caso di cui sopra). Se il sinistro è causato da un veicolo immatricolato in Svizzera, fate richiesta di rimborso alla Compagnia del responsabile (l'Isvap vi aiuterà in tal senso). Invece, se il veicolo che ha provocato il danno è immatricolato fuori dalla Svizzera, rivolgetevi al Bureau svizzero (info sul retro di ogni Carta Verde).

SE SUCCEDE QUI
Dulcis in fundo, nel caso in cui l'incidente sia avvenuto in Italia e provocato da un veicolo immatricolato all'estero, per richiedere il risarcimento dei danni inviate una lettera raccomandata con avviso di ricevimento a 'Uci - Corso Sempione, 39 - 20145 Milano.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , incidenti , sicurezza stradale , assicurazioni


Top