dalla Home

Attualità

pubblicato il 19 agosto 2011

Dossier Codice della strada

Guidi con le infradito? Attento alla rivalsa

La legge non lo vieta espressamente. Ma in caso di incidente, il rimborso è a rischio

Guidi con le infradito? Attento alla rivalsa

Guidare con le infradito: possibile che un Codice della strada con 240 articoli non lo vieti? Proprio così. Anche se spesso si parla di Codice da riformare e sintetizzare, in quell'oceano di commi e cavilli non c'è traccia di prescrizioni sulle calzature da usare in auto. Risultato: si può guidare con le infradito (d'estate una pacchia per i calorosi), con le ciabatte (per i pigri), con tacchi vertiginosi (per il gentil sesso che vuole slanciarsi, vedi qui). Al massimo, un agente delle Forze dell'ordine può contestare un comportamento irregolare solo in base a due articoli del Codice della strada generici.

LIBERTÀ DI MOVIMENTO
L'articolo 140, comma 1, recita: "Gli utenti della strada devono comportarsi in modo da non costituire pericolo o intralcio per la circolazione e in modo che sia in ogni caso salvaguardata la sicurezza stradale". Che è un principio informatore della circolazione. Mentre l'articolo 169, comma 1, stabilisce che "in tutti i veicoli il conducente deve avere la più ampia libertà di movimento per effettuare le manovre necessarie per la guida". Altrimenti, multa di 80 euro e taglio di un punto della patente. Ma come fa un poliziotto a individuare un guidatore che sotto il solleone agostano indossa calzature poco adatte? E soprattutto, come fa a dimostrare che quelle calzature hanno impedito la più ampia libertà di movimento per effettuare le manovre? C'è la prova che le infradito, le ciabatte o i tacchi alti hanno inciso negativamente sulla sicurezza?

TAMPONAMENTO, NON SI SCHERZA
Le cose cambiano notevolmente se il guidatore con le infradito o con i tacchi causa un incidente, specie con lesioni fisiche. A quel punto, se intervengono le Forze dell'ordine, può darsi intendano indicare nel verbale che il tipo di calzatura del conducente era inappropriato. E qui la palla passa all'Assicurazione che deve risarcire il danneggiato: potrebbe chiedere una perizia per stabilire se la calzatura inadatta abbia contribuito a provocare il sinistro. Per esempio: se si riesce a dimostrare che il tacco ha impedito di frenare, incastrandosi sotto il pedale; o che l'infradito non ha permesso di reagire per tempo e con la dovuta energia; allora la Compagnia potrebbe riconoscere un rimborso ridotto. In funzione di quanto la calzatura impropria ha influito sul sinistro.

PARLA LA CASSAZIONE
Non è proprio il momento giusto per stuzzicare che le Assicurazioni, negli ultimi tempi sempre pronte a rincarare i prezzi Rc auto per l'aumento dei costi legati ai sinistri (le associazioni dei consumatori parlando di rialzi tariffari attorno al 180% in 14 anni). Tant'è vero che, in seguito a controversie sui risarcimenti, si è perfino giunti a discuterne in Cassazione. E proprio gli ermellini si sono pronunciati (peraltro in modo condivisibile) a sfavore degli automobilisti. Leggete infatti quanto deciso dalla Cassazione penale, sezione IV, con sentenza del 24 maggio 1978, numero 6401: "Lo slittamento del piede dal pedale del freno non costituisce caso fortuito, ma imperizia del conducente e quindi trattasi di condotta sicuramente colposa". Ossia, non è una coincidenza che la calzatura inadatta abbia causato un guaio: è colpa del guidatore, che doveva saperlo prima di mettersi al volante.

SINISTRI MORTALI
Occhio, se poi chi guidava con calzature improprie ha addirittura causato un incidente mortale, il rischio è di dover contribuire al risarcimento assicurativo, con decine di migliaia di euro che ballano. Le possibili accuse? Imprudenza: assenza o inadeguata attenzione e valutazione della situazione. Oppure inavvedutezza: mancanza del riguardo degli interessi altrui. O anche negligenza: scarsa attenzione solerzia. O perfino imperizia: insufficiente preparazione di cui il soggetto non ha voluto tener conto. Il nostro consiglio, quindi, è di guidare solo con calzature adatte e comode, sia nei viaggi estivi sia per i piccoli spostamenti.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , codice della strada , sicurezza stradale


Top