dalla Home

Test

pubblicato il 30 luglio 2011

Nissan Juke 1.6 DIG-T MCVT Tekna 4WD

Con 190 CV è una compatta sportiva 4x4, ma i consumi decollano

Nissan Juke 1.6 DIG-T MCVT Tekna 4WD
Galleria fotografica - Nissan Juke 1.6 DIG-T MCVT Tekna 4WDGalleria fotografica - Nissan Juke 1.6 DIG-T MCVT Tekna 4WD
  • Nissan Juke 1.6 DIG-T MCVT Tekna 4WD - anteprima 1
  • Nissan Juke 1.6 DIG-T MCVT Tekna 4WD - anteprima 2
  • Nissan Juke 1.6 DIG-T MCVT Tekna 4WD - anteprima 3
  • Nissan Juke 1.6 DIG-T MCVT Tekna 4WD - anteprima 4
  • Nissan Juke 1.6 DIG-T MCVT Tekna 4WD - anteprima 5
  • Nissan Juke 1.6 DIG-T MCVT Tekna 4WD - anteprima 6

Piaccia o meno, lo stile della Nissan Juke ha proposto qualcosa di nuovo nel panorama di crossover, piccoli SUV, vetture rialzate e quanto di innovativo ha proposto recentemente il mercato in un mix di segmenti, sotto-segmenti, nicchie e sotto-nicchie che rischia a volte di confondere gli automobilisti. Il grande pregio della Juke, provata da noi per quasi 1.000 km, è quello di offrire un'immagine fresca e giovane, per certi versi anche sbarazzina con il suo design che sprizza originalità da ogni dettaglio. La Juke a nostra disposizione, con una lunghezza di 4,13 metri, una larghezza di 1,6 metri e un'altezza di 1,57 metri si mostra da subito compatta e robusta, curiosamente rialzata e con le portiere posteriori semi-nascoste che le danno un'aria da coupé maggiorata. Il piccolo lunotto posteriore e le ruote in lega da 17" contribuiscono poi ad aggiungere grinta al tutto. Una curiosità riguarda poi le luci di svolta e quelle diurne, custodite sotto il trasparente che sporge dai passaruota anteriori: durante i lunghi chilometri percorsi di notte la loro luminosità è visibile dal posto di guida e aggiunge un simpatico tocco in stile cartoon al frontale.

ABITACOLO ORIGINALE, CON TANTO ROSSO
La vettura che abbiamo testato è una Nissan Juke 1.6 DIG-T MCVT Tekna 4WD (27.510 euro di listino), che vanta le quattro ruote motrici, un motore 1.6 turbo benzina da 190 CV e il cambio automatico a variazione continua con possibilità di utilizzo manuale sequenziale. La verniciatura in Bianco Perla è un optional da 450 euro che ben si adatta alle linee scolpite della carrozzeria, mentre le finiture interne puntano tutto sul nero e sugli inserti plastici dipinti di rosso metallizzato. La stessa tonalità rosso porpora la si ritrova nella trama del tessuto che ricopre l'interno porte. Le superfici e le plastiche usate sul tunnel centrale, nelle portiere e sulla plancia paiono di buona qualità, anche se al tatto offrono una sensazione di media piacevolezza. Il volante è ben dimensionato, rivestito in pelle e dalla forma corretta, così come la strumentazione sovrastata da una curiosa palpebra sospesa. I sedili in pelle, anche riscaldabili, (1.000 euro) accolgono bene guidatore e passeggero e necessiterebbero solo del sistema di raffrescamento per essere perfetti. I posti dietro sono sufficienti a soddisfare gli occupanti di media statura, mentre il bagagliaio da 251 litri non offre tanto spazio, soprattutto in altezza.

INASPETTATAMENTE SPORTIVA
Una volta avviato il motore con l'apposito pulsante ci accorge subito che questo non è un semplice crossover alla moda da sfoggiare nelle località alla moda: qui c'è di più. C'è un propulsore che spinge bene e sale di giri rapidamente per catapultare in avanti la Juke con veemenza. La sensazione è per certi versi spiazzante, visto che i 1.425 kg di peso della giapponese si notano appena, solo nelle curve più strette percorse a velocità sostenuta. Per il resto la Juke è di assetto piatto, neutro e sicuro, soprattutto quando si sceglie la trazione 4WD e la modalità di motore-sterzo Sport. Aggrappata al terreno e pronta ad affrontare le curve del misto veloce, la Juke 1.6 DIG-T MCVT Tekna 4WD è ottimamente assecondata dal cambio CVT, che in modalità manuale risponde esattamente ai comandi del pilota e permette di sfruttare a pieno le prestazioni che includono i 200 km/h e gli 8,4 secondi per andare da 0 a 100 km/h. Unica pecca è l'assenza delle levette al volante.

GRINTOSA ANCHE NEI CONSUMI
La vera nota dolente viene dai consumi, che vanno di pari passo con le prestazioni sportive garantite dal propulsore 1.6 DIG-T. Se nell'uso extraurbano e autostradale il computer di bordo arriva a visualizzare gli 8 l/100 km, nei percorsi cittadini il dato può raggiungere i 13 l/100 km. Discorso ancora peggiore nel caso si cerchino le prestazioni massime, con accelerazioni e riprese al limite: così facendo si vede apparire sul display, anche se per poco, la cifra di 33 l/100 km e arrivare ad una media migliore dei 18 l/100 km è davvero difficile. A questo si aggiunge un serbatoio da 50 litri che non permette di scialare con l'autonomia. Per quanto alti in assoluto, questi consumi sono comunque commisurati alle prestazioni offerte dalla Juke 1.6 DIG-T MCVT Tekna 4WD e chiunque intende goderne deve essere disposto a "pagare il fio". Per chi non può permettersi soste troppo frequenti dal benzinaio c'è pur sempre la Juke 1.6 aspirata da 6,3 l/100 km o l'ancora più parca Juke 1.5 dCi a gasolio da 5,1 l/100 km.

[Fotografo: Federico Oddone]

Scheda Versione

Nissan Juke First
Nome
Juke First
Anno
2010 - F.C.
Tipo
Normale
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Nissan , auto giapponesi


Top