dalla Home

Test

pubblicato il 26 luglio 2011

Volkswagen Maggiolino: classico con grinta

Su strada mostra un’anima da coupé sportiveggiante

Volkswagen Maggiolino: classico con grinta
Galleria fotografica - Volkswagen MaggiolinoGalleria fotografica - Volkswagen Maggiolino
  • Nuova Volkswagen Beetle	   - anteprima 1
  • Nuova Volkswagen Beetle - anteprima 2
  • Nuova Volkswagen Beetle - anteprima 3
  • Nuova Volkswagen Beetle - anteprima 4
  • Nuova Volkswagen Beetle - anteprima 5
  • Nuova Volkswagen Beetle - anteprima 6

Volkswagen Maggiolino a Berlino: rima e location sono perfette per scoprire la pronipote di quella prima VW che ha fatto la storia dell'automobile. L'incontro con l'erede dell' "auto del popolo" ci conferma l'immagine dinamica anticipata dalle prime foto. L'aspetto è meno frivolo e retrò rispetto alla precedente New Beetle e la nuova configurazione di coda con grintoso spoiler non può che ricordare una classica Porsche 911 dei primi anni Settanta. All'immagine da coupé "cattiva", dedicata soprattutto al pubblico maschile, contribuiscono i grandi cerchi in lega e le grafiche a contrasto, soprattutto sulle versioni di lancio Black Turbo e White Turbo. Compatta e ben piantata sulle ruote, la nuova Volkswagen Maggiolino sorprende, perché il non facile compito di aggiornare un classico moderno fa il paio con un generale aumento delle dimensioni ben dissimulato. Restano comunque belli evidenti i passaruota massicci e separati dal resto della scocca, vero segno distintivo della "Beetle".

INTERNI MODERNI, CON RICHIAMI AL PASSATO
La stessa svolta stilistico-progettuale la si ritrova nell'abitacolo, dove una plancia moderna ed ergonomica mescola elementi moderni ripresi da Golf con dettagli nostalgici come lo sportellino portaguanti che sembra preso direttamente dal modello Anni '50. Al posto della precedente plancia extra-long il nuovo Maggiolino propone un cruscotto quasi verticale che assieme al parabrezza rialzato contribuisce ad accrescere l'abitabilità interna, almeno a livello dei passeggeri anteriori. Qualcuno potrà sentire la mancanza del lezioso vaso portafiori, ma questa assenza è ben compensata dall'allargamento di 49 mm e dall'ampliamento del vano bagagli che arriva a contenere 310-905 litri. Materiali e superfici sono di buon livello, anche superiori alla vecchia New Beetle e si avvicinano agli standard di Golf e Scirocco, concorrente interna. Il volante del Maggiolino 2.0 TSI Sport 200 CV che abbiamo provato è veramente bello ed ergonomico, appiattito in basso per sottolineare lo spirito sportivo della nuova coupé e la stessa qualità la si ritrova nella superficie tipo fibra di carbonio che ricopre la plancia. Il grande touchscreen da 6,5" (RNS 510, 1.780 euro) domina il cruscotto e fornisce i dati del navigatore in maniera chiara e precisa. L'unico appunto riguarda la finitura lucida del pannello porte, apparentemente troppo soggetta all'offesa di graffi, ditate e sporcizia.

SPORTIVA CON IL 200 CV
Su strada il Volkswagen Maggiolino 2.0 TSI Sport con 200 CV mostra in maniera efficace il concetto di sportività applicato ad un classico, con assetto, sterzo, freni e cambio che rispondono al meglio nella guida più scattante. L'abbinamento fra il 4 cilindri turbo e il cambio automatico doppia frizione DSG (6 marce) è al limite della perfezione, come già dimostrato dal Gruppo Volkswagen su numerosi modelli di marchi e potenze diverse. Pronto, potente, stentoreo nella voce, rapido a salire di giri, il 2.0 TSI ha potenzialità che vanno oltre il buon senso e i limiti del codice della strada, ma utilizzato con giudizio sa dare molte soddisfazioni. La trasmissione è veloce e fluida nei passaggi di marcia e posto in modalità S può soddisfare i clienti dal piede più pesante. Per chi si vuole divertire con la cambiata manuale consigliamo le levette al volante, un accessorio extra da 110 euro.

ASSETTATA A DOVERE
L'assetto di questa che è la versione più potente e veloce non pare avere difetti evidenti nelle strade di campagna né in autostrada e asseconda nel modo migliore le esuberanti prestazioni del Maggiolino 2.0 TSI. Anche nei curvoni veloci delle "autobahn" l'appoggio è sicuro e la durezza dello sterzo aiuta a mantenere con precisione la traiettoria. La stessa durezza la si nota però anche a bassa velocità, dove risulta meno piacevole e un po' più stancante; la cosa va probabilmente attribuita ai cerchi Twister da 18" (pneumatici 235/45 R18) opzionali. Nel complesso il Volkswagen Maggiolino ci ha convinto, nonostante un prezzo che per la 2.0 TSI parte da 28.050 euro. Si tratta di una cifra alta in assoluto, ma che si posiziona comunque fra i 24.600 e i 29.950 euro della MINI in versione Cooper S e John Cooper Works, sua vera rivale diretta.

Scheda Versione

Volkswagen Maggiolino
Nome
Maggiolino
Anno
2011
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
2 volumi
Porte
3 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Volkswagen , auto europee


Listino Volkswagen Maggiolino

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.2 TSI Design BlueMotion Technology anteriore benzina 105 1.2 4 € 21.600

LISTINO

1.6 TDI Design anteriore diesel 105 1.6 4 € 23.750

LISTINO

2.0 TDI Design BlueMotion Technology anteriore diesel 110 2.0 4 € 25.050

LISTINO

1.4 TSI Sport BlueMotion Technology anteriore benzina 150 1.4 4 € 26.350

LISTINO

1.6 TDI Design DSG anteriore diesel 105 1.6 4 € 26.650

LISTINO

2.0 TDI Design DSG BlueMotion Technology anteriore diesel 110 2.0 4 € 26.950

LISTINO

1.4 TSI Sport DSG BlueMotion Technology anteriore benzina 150 1.4 4 € 28.250

LISTINO

2.0 TDI 150cv Sport BlueMotion Technology anteriore diesel 150 2.0 4 € 29.650

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top