dalla Home

Motorsport

pubblicato il 21 luglio 2011

E se le Formula 1 avessero il parabrezza?

I risultati di un esperimento del FIA Institute

E se le Formula 1 avessero il parabrezza?

"Motorsport is dangerous", si sa, ma la sicurezza ha fatto passi da gigante negli ultimi anni. Ci sono però ancora dei margini di miglioramento, perché ad oggi le monoposto, ed in genere tutte le sport scoperte, espongono i piloti al potenzialmente letale rischio di essere colpiti da detriti o componenti persi o sparati via dalle vetture che precedono. Con questa dinamica ha rischiato grosso (e si è fatto molto male) Felipe Massa ed ha perso la vita il giovane Henry Surtees. Perchè allora non dare ai piloti un riparo che li protegga oltre al solo casco?

In passato c'è stato qualche esempio durato l'arco di poche gare come la Protos Formula 2 del '67 disegnata da Mike Costin, ma l'idea è tornata d'attualità dopo un test condotto dal FIA Institute, l'organizzazione della Federazione Internazionale di ricerca sui sistemi di sicurezza e sulla sostenibilità del motorsport. Gli ingegneri della Federazione hanno sparato a 225 km/h una ruota di una Formula 1 (il distacco di una ruota è l'incidente più frequente) prima su un parabrezza di policarbonato tristrato da 30 mm e poi su un cupolino da jet militare. Il secondo non si è mimimamente deformato né incrinato nell'impatto, il primo sì, però ha deviato la ruota impazzita dalla traiettoria sulla quale ci sarebbe la testa del pilota, quindi anche questa potrebbe essere una strada percorribile. Vedremo, intanto vi mostriamo il video dei test.

Autore:

Tag: Motorsport , formula 1


Top