dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 21 luglio 2011

Daihatsu prepara la city car a benzina da 30 km/l

Arriverà a settembre in Giappone e porterà al debutto la “e:S Technology”

Daihatsu prepara la city car a benzina da 30 km/l
Galleria fotografica - Daihatsu CuoreGalleria fotografica - Daihatsu Cuore
  • Daihatsu Cuore - anteprima 1
  • Daihatsu Cuore - anteprima 2
  • Daihatsu Cuore - anteprima 3
  • Daihatsu Cuore - anteprima 4
  • Daihatsu Cuore - anteprima 5
  • Daihatsu Cuore - anteprima 6

Daihatsu, nonostante l'annunciato abbandono del mercato europeo entro il 2013, continua a sviluppare nuove tecnologie per il Giappone. L'ultima in ordine di tempo si chiama "e:S Technology" (per energy Saving) ed è destinata ad un prossimo modello ultracompatto in uscita a settembre. Il nome della nuova city car, sul genere di Daihatsu Cuore, non è ancora stato svelato, mentre il consumo medio di 30 km/l è il dato più interessante e inedito per un'auto a benzina. Il consumo combinato è stato ottenuto nel ciclo di test giapponese JC08, diverso da quello europeo, ma risulta comunque molto promettente.

Per arrivare a simili livelli di efficienza i tecnici Daihatsu hanno applicato la tecnologia "e:S" su tre fronti, ottimizzando il rendimento della city car: motore, trasmissione e carrozzeria. Il primo di questi interventi riguarda l'efficienza del propulsore, massimizzata con l'aumento del rapporto di compressione da 10,8:1 a 11,3:1 e la nebulizzazione ancora più fine degli iniettori di benzina. A questo si aggiunge il sistema i-EGR del ricircolo dei gas combusti tramite controllo degli ioni, l'utilizzo di nuovi anelli di tenuta, di una cinghia di trasmissione a tensione ridotta e di un inedito comando acceleratore in leggera resina plastica. Anche il cambio CVT ha subito modifiche di rilievo per aumentarne l'efficienza e ridurne gli attriti interni.

L'intera scocca della nuova vettura è stata alleggerita di 30 chilogrammi con l'utilizzo di acciai altoresistenziali e la riduzione dei componenti strutturali e dell'abitacolo, come i pannelli porta e la plancia. Lo stesso carter della trasmissione CVT è più leggero, così come le parti in alluminio della pompa olio e degli ingranaggi. Come già fatto da altri costruttori per realizzare le loro vetture più efficienti e pulite, anche per la nuova Daihatsu si è puntato sul miglioramento dell'aerodinamica (anche nel sottoscocca), sull'utilizzo di pneumatici con bassa resistenza al rotolamento e sul miglioramento dei condotti di raffreddamento. Per la prima volta su di un'auto con cambio a variazione continua sarà presente il sistema "pre-stop", vale a dire la funzione dello start/stop che spegne il motore in frenata già a 7 km/h. Il dispositivo è integrato nel CVT e permette di non rinunciare ai sistemi di bordo ausiliari e al navigatore quando il motore è spento. Anche il recupero dell'energia in decelerazione è stato ottimizzato ed è in grado di fornire in maniera veloce ed efficiente elettricità alla batteria.

Autore:

Tag: Anticipazioni , Daihatsu , auto giapponesi , inquinamento , dall'estero


Top