dalla Home

Curiosità

pubblicato il 18 luglio 2011

Mercedes: nuove gallerie del vento climatiche

Dai -40 gradi della Svezia ai +60 della Death Valley, tutto a Sindelfingen

Mercedes: nuove gallerie del vento climatiche
Galleria fotografica - Gallerie del vento climatiche MercedesGalleria fotografica - Gallerie del vento climatiche Mercedes
  • Gallerie del vento climatiche Mercedes - anteprima 1
  • Gallerie del vento climatiche Mercedes - anteprima 2
  • Gallerie del vento climatiche Mercedes - anteprima 3
  • Gallerie del vento climatiche Mercedes - anteprima 4
  • Gallerie del vento climatiche Mercedes - anteprima 5
  • Gallerie del vento climatiche Mercedes - anteprima 6

Nel Mercedes-Benz Technology Centre di Sindelfingen, in Germania, sono state aperte due nuove gallerie del vento climatiche in grado di riprodurre le condizioni del tempo più estreme. Il tunnel "freddo" può creare temperature comprese fra i -40 e i +40 gradi centigradi, mentre il tunnel "caldo" va da -10 a +60 gradi. Entrambi sono dotati di ventole che spingono l'aria fino a 265 km/h e di banco prova dinamometrico regolabile su due assi. I nuovi impianti accrescono le possibilità offerte da quelli precedentemente usati e servono a rendere più rapide le verifiche in climi estremi, al di là dai test su strada che continuano ad essere effettuati regolarmente. Altro notevole vantaggio offerto dai due tunnel è quello di poter riprodurre le condizioni climatiche desiderate in qualsiasi momento e con un precisione assoluta, risparmiando agli ingegneri alcuni viaggi nelle zone più fredde o calde della terra.

DAI SIMULATORI ALLA REALTA'
Con temperature e umidità variabili fra i livelli del deserto e quelli del circolo polare artico è possibile testare così i sistemi di raffreddamento motore, l'aria condizionata, il riscaldamento dell'abitacolo, lo sbrinamento dei cristalli e anche il vortice di neve o pioggia sollevato da un camion che precede. In questo modo si possono ottenere dati utili alla modifica di elementi che in fase di progettazione (soprattutto virtuale) non erano stati valutati. Le aree di prova sono già adatte anche alla sperimentazione su veicoli ad idrogeno e celle a combustibile e sono dotate di banco a rulli con quattro elementi in movimento che possono essere utilizzati su tutti i veicolo Mercedes, dalla smart al furgone Sprinter.

IL BANCO A RULLI PRODUCE ENERGIA
Le nuove strutture, gestite da un team di 20 persone in due turni, sono raccolte all'interno di uno stabile alto 18 metri, lungo 70 e largo 60 metri ed hanno una potenza installata di 600 kW, con punte di picco di 780 kW (1.060 CV). Il dinamometro a rulli è studiato per sopportare accelerazioni di 20 m/s2 e durante il trascinamento provocato dalle ruote del veicolo in prova produce energia elettrica che finisce nella rete elettrica del sistema. Oltre a creare un flusso continuo di vento che può andare dalla semplice brezza all'uragano, il tunnel freddo è in grado di creare livelli di umidità dell'aria variabili fra il 5 e il 95%, acquazzoni con un'intensità di 80 litri per metro quadro in un'ora e autentiche tempeste di neve con fiocchi che investono il veicolo a 200 km/h.

COME NELLA DEATH VALLEY
Nel tunnel caldo è possibile simulare le condizioni di irraggiamento solare della Death Valley californiana, grazie a 32 lampade che in un'area di 8x2,5 metri quadri sprigionano un'intensità di 200/1200 watt per metro quadro. L'irraggiamento può cambiare inclinazione in modo da simulare il movimento apparente del sole durante la giornata e può essere filtrato per creare l'effetto coprente delle nubi o totalmente oscurato per simulare l'ingresso in una galleria. Non manca neppure la modalità di prova Hot Road, con la superficie stradale simulata che può raggiungere temperature comprese fra i 50 e 70 gradi centigradi. In caso di problemi e principi di incendio è poi presente un sistema automatico di spegnimento che in una frazione di secondo nebulizza la vettura con gocce d'acqua che sottraggono ossigeno alle fiamme e raffreddano il veicolo per evitare che il fuoco propaghi.

Autore:

Tag: Curiosità , Mercedes-Benz , idrogeno , celle a combustibile , dall'estero , infrastrutture


Top