dalla Home

Mercato

pubblicato il 14 luglio 2011

Toyota: resiste come 1° costruttore al mondo?

Superato lo tsunami, il milione di auto è il target europeo. Grazie anche alla nuova Yaris

Toyota: resiste come 1° costruttore al mondo?
Galleria fotografica - Nuova Toyota YarisGalleria fotografica - Nuova Toyota Yaris
  • Nuova Toyota Yaris - anteprima 1
  • Nuova Toyota Yaris - anteprima 2
  • Nuova Toyota Yaris - anteprima 3
  • Nuova Toyota Yaris - anteprima 4
  • Nuova Toyota Yaris - anteprima 5
  • Nuova Toyota Yaris - anteprima 6

Come molti lettori ricorderanno, il 2008 fu l'anno che vide il Gruppo Toyota divenire il primo costruttore automobilistico al mondo. Venendo ai giorni nostri, tra le conseguenze dello tsunami abbattutosi sul Giappone lo scorso marzo, sono andate via via delineandosi anche scenari di un cambio al vertice di questa classifica, con l'americana General Motors pronta ad approfittarne, in attesa che Volkswagen metta in pratica i suoi piani di leadership. La situazione attuale vede però la Casa delle Tre Ellissi reagire, grazie al ritorno alla normalità dei livelli produttivi del post-terremoto, ai risultati positivi in termini di vendite nel primo semestre 2011 e all'obiettivo di superare il milione auto vendute in Europa alla fine dell'anno. E' quanto emerge direttamente dalle parole di Didier Leroy, ad e presidente di Toyota Europe, a margine della messa in opera delle linee di assemblaggio della nuova Yaris, appena avvenuta nel centro produttivo e logistico di Valencienne (Francia).

RECUPERATO IL TERRENO PERSO
L'analisi del management Toyota sulla ripresa avvenuta "in tempi record" si basa sul ripristino della produzione in Giappone ed Europa, avvenuta grazie all'impegno di tutta l'azienda e della catena dei fornitori - la supply chain - rimessa in funzione per alimentare il flusso produttivo sia in Asia che nel Vecchio Continente. In particolare, in agosto sarà completamente recuperato anche il gap logistico, considerando che le spedizioni del mese di luglio sono state intensificate rispetto alla media (7 navi anziché 4, per un totale di 5.000 veicoli in più).

IN 6 MESI MEGLIO DEL 2010. VIA COSI' CON YARIS E LE IBRIDE
A sostegno del recupero di terreno, dopo il rallentamento causato dal cataclisma, ci sono poi i dati di mercato, che registrano un +5% di vendite in Europa rispetto allo stesso periodo del 2010, con più di 425.000 automobili consegnate. L'arrivo della nuova Yaris non potrà che contribuire al raggiungimento dell'obiettivo di 1 milione di vetture vendute nell'UE entro fine anno, tenuto conto che il segmento B, in cui la Yaris va a competere, è il settore europeo più importante in termini di volumi. Il costruttore nipponico potrà inoltre far leva sul guadagno annuale del 31% legato al suo brand premium, Lexus, e ai piani futuri che riguardano l'introduzione di 10 nuovi modelli ibridi, tra i quali c'è anche la Yaris ibrida, che vedrà la luce nel 2012.

Galleria fotografica - Toyota Yaris HSD conceptGalleria fotografica - Toyota Yaris HSD concept
  • Toyota Yaris HSD concept - anteprima 1
  • Toyota Yaris HSD concept - anteprima 2
  • Toyota Yaris HSD concept - anteprima 3
  • Toyota Yaris HSD concept - anteprima 4
  • Toyota Yaris HSD concept - anteprima 5
  • Toyota Yaris HSD concept - anteprima 6

Autore:

Tag: Mercato , Toyota , auto giapponesi , produzione


Top