dalla Home

Novità

pubblicato il 31 maggio 2006

Più potenza per la Saab 9-5 BioPower

Più potenza per la Saab 9-5 BioPower
Galleria fotografica - Saab 9-5 BioPower 2.3tGalleria fotografica - Saab 9-5 BioPower 2.3t
  • Saab 9-5 BioPower 2.3t - anteprima 1
  • Saab 9-5 BioPower 2.3t - anteprima 2
  • Saab 9-5 BioPower 2.3t - anteprima 3

Trainata dalla domanda del mercato svedese, uno dei più importanti in Europa per diffusione del bioetanolo, Saab continua a credere ed investire su questo carburante alternativo derivato da coltivazioni agricole come il granturco e la canna da zucchero. Il vantaggio dell'E85 - denominato così perché costituito da una miscela di bioetanolo (85%) e benzina (15%) - non fa aumentare nell'atmosfera i livelli di biossido di carbonio (CO2) che è la principale causa dell'effetto serra.

La novità è che Saab ha sviluppato un secondo motore per la serie 9-5 BioPower - le versioni alimentabili con l'E85 - ancora più potente ed efficiente. Si tratta di un 2.3 Turbo capace di 210 cavalli e 310 Nm di coppia massima, quando alimentato con bioetanolo, e di 185 cavalli e 280 Nm quando è alimentato a benzina. Anche le prestazioni dichiarate sono brillanti: una Saab 9-5 berlina con cambio manuale raggiunge i 100 km/h con partenza da fermo in 7.9 secondi e riprende da 80 a 120 km/h in quinta marcia in 11.0 secondi (8.5 e 12.6 secondi se alimentata a bioetanolo).

La flessibilità di impiego fra carburanti e benzina tradizionali o miscelati con etanolo, è assicurata dalla centralina elettronica Saab Trionic riprogramma in tempo reale la gestione del motore adattando la fasatura dell'accensione alle diverse esigenze della miscela E85/aria. Dopo ogni rifornimento, Trionic controlla la qualità del carburante immesso nel serbatoio ed apporta automaticamente tutte le correzioni del caso in modo da garantire un ottimale funzionamento con E85 e/o con la benzina in qualsiasi proporzione. Ciò significa che, non trovando un distributore di E85, chi utilizza una Saab BioPower può fare anche il pieno di benzina.
Tra l'altro il numero di ottani del carburante E85 è molto superiore a quello della benzina (104 RON anzichè 95 RON). Questo permette di incrementare la pressione di sovralimentazione e di aumentare l'anticipo dell'accensione con conseguente incremento della potenza senza pericolo di battito in testa o di pre-detonazione. Le uniche modifiche strutturali apportate al motore sono rappresentate dall'impiego di valvole e sedi valvole più robuste e di materiali compatibili con il bioetanolo per la realizzazione delle componenti dell'impianto di alimentazione (serbatoio, pompa, condotti e collegamenti inclusi).

La nuova Saab 9-5 2.3t BioPower sarà commercializzata quest'anno nei mercati del Nord Europa, in Gran Bretagna ed in Irlanda ed in seguito in altri Paesi europei. In Italia se ne potrà parlare se e solo se il nuovo Governo si deciderà a sviluppare una politica energetica incentivante per la produzione e la distribuzione dell'E85. Per ora dobbiamo accontentarci del "Decreto Agricoltura" marzo del 2006 che prevede, a partire dal prossimo mese di luglio, l'obbligo di miscelare a benzina e gasolio almeno l'1% di bioetanolo e biodiesel, derivanti da coltivazioni agricole. Quota che dovrà essere incrementata dell'1% l'anno sino al 2010. Di questo passo l'85% di Etanolo è molto lontano...

Autore: Alessandro Lago

Tag: Novità , Saab , bioetanolo


Top