dalla Home

Interviste

pubblicato il 30 giugno 2011

Lotus, tre grandi case interessate al Range Extender

Pronto in due versioni, aspirata e sovralimentata, una delle quali destinata alla Ethos

Lotus, tre grandi case interessate al Range Extender
Galleria fotografica - Lotus City Car Concept Galleria fotografica - Lotus City Car Concept
  • Lotus City Car Concept al Salone di Parigi 2010 - anteprima 1
  • Lotus City Car Concept al Salone di Parigi 2010 - anteprima 2
  • Lotus City Car Concept al Salone di Parigi 2010 - anteprima 3
  • Lotus City Car Concept al Salone di Parigi 2010 - anteprima 4
  • Lotus City Car Concept al Salone di Parigi 2010 - anteprima 5
  • Lotus City Car Concept al Salone di Parigi 2010 - anteprima 6

"Ci sono tre grosse case interessate al nostro Range Extender, una francese, una tedesca e una giapponese". Lo ha affermato il presidente di Lotus, Danny Bahar - giurando che non si tratta di una barzelletta - durante un incontro avuto con i giornalisti di tutto il mondo, confermando che lo sviluppo del sistema di propulsione elettrica ad autonomia estesa va avanti, ma è stato addirittura potenziato e arricchito con una versione sovralimentata.

DA 1,2 A 1,3 LITRI. E IN PIÙ C'È IL COMPRESSORE...
Va detto che nel frattempo il 3 cilindri a combustione interna è stato portato dagli 1,2 agli 1,3 litri e vede il ritorno alla distribuzione con 2 valvole per cilindro al posto di quella a 4, per erogare coppia e potenza in modo più lineare e robusto ai regimi bassi e medi (tra 1.500 e 3.500 giri/min), riducendo la complessità, il peso, i costi e soprattutto gli attriti. La versione aspirata eroga 38 kW (52 CV) e 107 Nm a 2.500 giri/min mentre quella sovralimentata con compressore volumetrico eroga 55 kW (75 kW) sempre a 3.500 giri/min 150 Nm a 2.500 giri/min, in entrambi i casi il un motore elettrico accoppiato della Fagor Automation ha 50-54 kW e 240 Nm di coppia.

NATO PER ESSERE ESTESO E VEGETARIANO
La particolarità del Range Extender Lotus, tuttora sviluppato su strada sulla famosa Jaguar Limo Green - una XJ senza V6 o V8, ma solo con questo sistema nel cofano - è di essere in pratica un motore a scoppio disegnato già all'origine per essere affiancato da un motore elettrico che infatti è calettato direttamente sull'albero motore. In questo modo si risparmiano spazio e peso, che si annuncia straordinario: la versione aspirata pesa infatti 51 kg, mentre quella con compressore centrifugo azionato a cinghia raggiunge i 58 kg. Il sistema è controllato da una centralina elettronica sviluppata dalla stessa Lotus Engineering e consente al motore di utilizzare carburanti in tutto o in parti diverse costituite da alcol di derivazione vegetale.

IBRIDO ED ELETTRICO NEL MIRINO
Bahar in questo modo nega che la stessa Jaguar - che sembrava in pole position per accaparrarsi l'elettrico "esteso" - sia direttamente interessata al Range Extender, mentre ha confermato ad OmniAuto.it che tale sistema sarà il cuore della Ethos, come già anticipato lasciandosi anche scappare che nei piani c'è una versione completamente elettrica. E che Lotus stia studiando alacremente il capitolo relativo all'elettrico e, più in generale, alle emissioni zero lo dimostrano il prototipo London Taxi alimentato a idrogeno, l'aver curato l'ingegnerizzazione della Rolls-Royce EX102 e anche il fatto che una Nissan Leaf è stata vista girare a lungo sul circuito accanto alla Lotus, recentemente rinnovato. La batteria dichiarata sul concept City Car è da 14,8 kWh, capacità sufficiente per 60 km senza emissioni e che dovrebbe dunque salire sulla versione elettrica. Per il fornitore degli accumulatori si parla di un'azienda americana che dovrebbe occuparsi anche delle unità destinate agli ibridi delle auto sportive. E tutti gli indizi portano alla A123.

SPORTIVA ELETTRICA? PRENDETEVI QUELLA ELETTRIFICATA
Un'ultima domanda per mister Bahar: è possibile ipotizzare una sportiva elettrica per il futuro? Una pausa e subito un sorriso per dire che ci stanno pensando eccome, ma da qui al 2015 ci sono talmente tante cose da fare che agli appassionati di Lotus non mancherà il modo di elettrizzarsi.

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Interviste , auto elettrica , auto inglesi , auto ibride , nuovi motori , interviste


Top