dalla Home

Novità

pubblicato il 29 maggio 2006

Daihatsu Copen

Daihatsu Copen
Galleria fotografica - Daihatsu CopenGalleria fotografica - Daihatsu Copen
  • Daihatsu Copen - anteprima 1
  • Daihatsu Copen - anteprima 2
  • Daihatsu Copen - anteprima 3
  • Daihatsu Copen - anteprima 4
  • Daihatsu Copen - anteprima 5
  • Daihatsu Copen - anteprima 6

Con le sue linee semplici e ben definite e le sue dimensioni compatte (solo 3,44 metri di lunghezza), la Daihatsu Copen sembra un'auto giocattolo. Un po' come succedeva ad Herbie - il Maggiolino tutto matto - i fanali rotondi danno a questa piccola cabrio-coupè un'espressione che ispira simpatia: la grande mascherina, che in altre auto dà un tocco di aggressività, assume sul frontale della Copen l'aspetto di una bocca sorridente, come se la giapponesina volesse ammiccare al pilota per invitarlo alla prova.

Un'espressività condivisa dalla coda dell'auto. La fiancata, pulita e slanciata, è quella di una vera sportiva: non a caso la Copen vista di profilo ricorda l'Audi TT. La natura grintosa della piccola Daihatsu è resa immediatamente visibile anche dallo spoilerino sulla coda, dai due tondeggianti terminali di scarico cromati posizionati centralmente e dai sottoporta con effetto minigonne.

Decisamente sportivo è poi il tono degli interni: dai tre elementi circolari della strumentazione alla consolle funzionale nella sua essenzialità, fino agli avvolgenti sedili con guancetti ben contenitivi. Coupè in inverno, con la bella stagione la Copen diventa una cabrio in soli 20 secondi: tanto impiega il tettuccio rigido per scomparire elettricamente nel bagagliaio e regalare la sensazione di libertà della guida con i capelli al vento.
Il cambio, dalla leva molto corta, è studiato in funzione delle prestazioni in accelerazione (la Copen va da 0 a 100 km/h in 9,5 secondi), mentre l'impostazione sportiva delle sospensioni dovrebbe garantire una tenuta di strada ottimale e una guida brillante.

La Copen è proposta in un'unica motorizzazione: un 4 cilindri benzina di 1,3 litri (1298 cc.) a 16 valvole, rispettoso della normativa Euro4. Tutto sommato buoni i consumi, considerando la cilindrata: si oscilla tra i 5 e i 7,7 litri ogni 100 km - rispettivamente su percorso extraurbano e urbano.

Due gli allestimenti, entrambi con dotazioni di serie curate: tra esse segnaliamo la chiusura centralizzata con telecomando, il climatizzatore manuale, i fendinebbia e i cerchi in lega da 15 pollici. La versione al top prevede sedili in pelle (rossa o color cioccolato) e volante Momo abbinato, deflettore frangivento e due piccoli roll bar cromati. In tema di sicurezza, come da tradizione della Casa giapponese, niente è stato trascurato: tutte le Copen sono infatti dotate di doppio airbag, ABS e EBD.

Frutto della pluridecennale specializzazione di Daihatsu in vetture compatte, la Copen è insomma una "grande piccola" dalla doppia anima, un'auto sfiziosa che sotto il corpo da cartone animato nasconde un cuore sportivo e grintoso. A dimostrare che, come dicono in Daihatsu, i limiti di un'auto non sono una questione di dimensioni.

I prezzi "chiavi in mano" di questo gioiellino - reso ancora più intrigante dal fatto di essere costruito quasi esemplare per esemplare, in una fabbrica creata su misura - vanno da 18.611 a 19.741 Euro.

Autore: Silvia Morsiani

Tag: Novità , Daihatsu


Top