dalla Home

Mercato

pubblicato il 27 giugno 2011

Piano Strategico Nissan 2011-2016

Obiettivi: un'auto nuova ogni 6 settimane e 1,5 mln di ZEV

Piano Strategico Nissan 2011-2016
Galleria fotografica - Nissan NV200, il nuovo Taxi di New YorkGalleria fotografica - Nissan NV200, il nuovo Taxi di New York
  • Nissan NV200, il nuovo Taxi di New York - anteprima 1
  • Nissan NV200, il nuovo Taxi di New York - anteprima 2
  • Nissan NV200, il nuovo Taxi di New York - anteprima 3

Siete curiosi di sapere cosa nascondono le Case automobilistiche nei loro cassetti? L'occasione giusta è spesso data dalla presentazione dei piani strategici aziendali, in cui i manager possono sbottonarsi sui modelli futuri che sono in fase di gestazione. Dopo i recenti sviluppi del piano industriale del Gruppo Fiat, da cui è emerso il nuovo multispazio compatto, è ora la volta di Nissan, che punta ad ampliare in 6 anni la sua quota globale di mercato fino all'8%, stessa percentuale dell'obiettivo di profitto operativo.

PROTAGONISTA ELETTRICO E LEADER NEI COMMERCIALI
Per raggiungere questi obiettivi nel periodo 2011-2016, il presidente dell'alleanza Nissan-Renault, Carlos Ghosn, ha dettato le linee guida da seguire per crescere in tutti i Paesi, puntando sempre di più sulle tecnologie per ridurre le emissioni e sulla produzione di ZEV (Zero Emission Vehicles, categoria in cui rientra la Leaf), con cui si mira a raggiungere quota 1,5 milioni di unità vendute a fine 2016. Una stima media delle intenzioni del Gruppo è data dalla previsione di introdurre sul mercato un nuovo modello ogni sei settimane, per i prossimi sei anni, e di portare cosi a 66 il numero di veicoli a livello globale. Questa "tabella di marcia" coinvolge anche un altro business, in cui Nissan crede di poter esser leader al termine del 2016. Parliamo dei veicoli commerciali, campo d'azione in cui la Casa di Yokohama ha recentemente avuto visibilità, grazie alla fornitura dei Taxi di New York a partire dal 2013.

REALTA' EMERGENTI E DI LUSSO
Uno dei fronti su cui si concentrano le mire espansionistiche del Costruttore nipponico è raffigurato dall'ampliamento della rete di vendita in tutto il mondo, soprattutto nei mercati emergenti come la Cina che, con una capacità produttiva di 1,2 milioni di automobili, rappresenta già il più grande mercato per Nissan, intenta a conquistare per il 10% delle vendite. Un nuovo stabilimento è poi in progetto anche in Brasile, mentre Russia e India sono gli altri Paesi che le stime economiche mettono al centro dell'attenzione per la diffusione di auto nel prossimo decennio. Infine, come ha dimostrato il recente periodo di crisi globale, il mercato dei beni di lusso è quello che risente meno della contrazione e della "elasticità" (per usare un termine tecnico) della domanda: con il suo brand premium Infiniti, Nissan ambisce così a conquistare il 10% delle vendite di tutte le nicchie di lusso, che in totale rappresentano 500.000 vetture in tutto il mondo.

Galleria fotografica - Nissan LeafGalleria fotografica - Nissan Leaf
  • Nissan Leaf - TEST - anteprima 1
  • Nissan Leaf - TEST - anteprima 2
  • Nissan Leaf - TEST - anteprima 3
  • Nissan Leaf - TEST - anteprima 4
  • Nissan Leaf - TEST - anteprima 5
  • Nissan Leaf - TEST - anteprima 6

Autore:

Tag: Mercato , Nissan , auto giapponesi


Top