dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 23 giugno 2011

La Mercedes ad idrogeno si comprerà nel 2014

Lo annuncia l’AD Zetsche, dopo il giro del mondo della Classe B F-Cell

La Mercedes ad idrogeno si comprerà nel 2014
Galleria fotografica - Mercedes Classe B F-Cell - Il Giro del mondoGalleria fotografica - Mercedes Classe B F-Cell - Il Giro del mondo
  • Mercedes Classe B F-Cell - Il Giro del mondo - anteprima 1
  • Mercedes Classe B F-Cell - Il Giro del mondo - anteprima 2
  • Mercedes Classe B F-Cell - Il Giro del mondo - anteprima 3
  • Mercedes Classe B F-Cell - Il Giro del mondo - anteprima 4
  • Mercedes Classe B F-Cell - Il Giro del mondo - anteprima 5
  • Mercedes Classe B F-Cell - Il Giro del mondo - anteprima 6

Lo sguardo è rivolto verso il futuro e gli occhi di tutti sembrano ormai da tempo essere puntati sull'elettrificazione dell'automobile, realizzata attraverso la tecnologia dei veicoli ibridi, meglio se dotati di motore endotermico a ciclo diesel, e quella delle batterie, che si evolveranno partendo dalle prestazioni ad oggi garantite dalle celle agli ioni di litio. La soluzione delle fuel cell, tuttavia, non viene completamente abbandonata dai Costruttori: Mercedes fissa infatti per il 2014 l'appuntamento con la sua prima auto ad idrogeno di serie. L'anticipazione proviene direttamente da Dieter Zetsche, AD della Stella a Tre Punte, che in un incontro con la stampa americana a New York alimenta le sue previsioni sull'affidabilità raggiunta dai prototipi della Classe B F-Cell, da poco rientrata da un giro del mondo di 30.000 chilometri.

CON L'IDROGENO A SPASSO PER IL GLOBO
La conclusione della spedizione delle tre Classe B con celle a combustibile, che hanno attraversato 14 Paesi per verificare la resistenza di tutti i componenti di una vettura a idrogeno in previsione di un "normale" utilizzo quotidiano, ha spinto il manager della Casa di Stoccarda ad anticipare la data prevista per la produzione in serie di un anno, rispetto al 2015 previsto nei piani industriali. Il punto chiave per la diffusione delle auto a fuel cell non risiede dunque nei limiti tecnologici delle vetture - ormai pronte per essere guidate come auto tradizionali, come il pubblico ha potuto verificare all'evento H2Roma - ma negli investimenti che permetteranno di realizzare le infrastrutture per il rifornimento. Non è un caso che proprio la Germania sia tra i Paesi più all'avanguardia, avendo già delle stazioni ad idrogeno nelle principali città, come a Berlino.

SFIDA ALL'IBRIDO
La posizione di Mercedes è condivisa da un altro Marchio tedesco, Opel che, in occasione dei test che abbiamo effettuato presso il centro prove di Francoforte, ha sottolineato l'importanza di una strategia energetica che sviluppi la rete di produzione e approvvigionamento dell'idrogeno. Le doti di autonomia dei veicoli fuel cell si abbinano infatti all'elevata densità di potenza e alla capacità di gestire masse e dimensioni troppo elevate per le vetture ibride o a batteria. L'autonomia della Classe B F-Cell è di circa 400 chilometri, un altro elemento che avvicina la tecnologia dell'idrogeno alle consolidate abitudini delle persone. Sempre secondo Zetsche, la versione di serie della F-Cell si posizionerà in una fascia di prezzo paragonabile a quella degli ibrdi-diesel (come la Peugeot 3008 Hybrid4, i prossimi modelli Volkswagen e la Volvo V60 Plug-in Hybrid). Gli scenari futuri non mettono dunque fuori gioco le auto con celle a combustibile, che le Case (non dimentichiamo l'esempio della Honda FCX Clarity) "coltivano" nei propri reparti R&D in attesa che i tempi siano "maturi".

Autore:

Tag: Anticipazioni , Mercedes-Benz , mobilità sostenibile , auto elettrica


Top