dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 21 giugno 2011

Si chiamerà Ethos la piccola Lotus

Nel 2014 la City Car concept diventerà realtà anche con il marchio Proton

Si chiamerà Ethos la piccola Lotus
Galleria fotografica - Lotus City Car Concept Galleria fotografica - Lotus City Car Concept
  • Lotus City Car Concept al Salone di Parigi 2010 - anteprima 1
  • Lotus City Car Concept al Salone di Parigi 2010 - anteprima 2
  • Lotus City Car Concept al Salone di Parigi 2010 - anteprima 3
  • Lotus City Car Concept al Salone di Parigi 2010 - anteprima 4
  • Lotus City Car Concept al Salone di Parigi 2010 - anteprima 5
  • Lotus City Car Concept al Salone di Parigi 2010 - anteprima 6

La piccola Lotus derivata dalla City Car conceptsi farà nel 2014 e si chiamerà Ethos. Lo ha dichiarato in occasione di un incontro con la stampa Wolf Zimmerman, capo dell'engineering alla presenza del presidente, Danny Bahar, e di tutto lo stato maggiore della casa inglese, compresi i rappresentati dell'azionista di riferimento, la malese Proton.

La Ethos sarà anzi sviluppata congiuntamente da Lotus e Proton nel quadro di una collaborazione sempre più stretta tra le due realtà e sarà commercializzata con entrambi i marchi, ma con stile, caratterizzazione e tutto il resto totalmente differenti. Non ancora confermato se nel cofano ci sarà il sistema elettrico ad autonomia estesa Lotus Range Extender composto da un 3 cilindri 1,2 litri molto sofisticato da 47 CV e un motore elettrico da 102 CV e 240 Nm di coppia, incaricato di fornire la propulsione direttamente alle ruote. È però assai probabile che sarà così consentendo alla Lotus di far scendere in modo sostanziale le emissioni medie della propria gamma. Silenzio anche sui partner tecnici, in particolare per le batterie al litio.

Il nome, di origine greca, pare sia stato registrato da Lotus già dal 2008, ma allora la casa di Ethel non aveva i piani odierni e si pensò che si trattasse di una denominazione che sarebbe stata spesa per una nuova sportiva. Sarà invece l'appellativo di una vettura del tutto inedita per Lotus e che, con ogni probabilità, sarà costruita proprio in Malesia. Bahar ha infatti detto che non tutti i modelli saranno prodotti nello storico stabilimento che si trova nella regione dell'East Anglia. Questo varrà prima di tutto per alcune sportive e, a maggior ragione, dovrebbe riguardare una carta fuori dal mazzo come la Ethos il cui stile deriva originariamente dal prototipo Italdesign Emas, sviluppato dalla carrozzeria torinese proprio in collaborazione con la Proton su base elettromeccanica Lotus e uscito dalla matita di Giorgetto Giugiaro.

Galleria fotografica - Italdesign Giugiaro EmasGalleria fotografica - Italdesign Giugiaro Emas
  • Italdesign Giugiaro Emas - anteprima 1
  • Italdesign Giugiaro Emas - anteprima 2
  • Italdesign Giugiaro Emas - anteprima 3
  • Italdesign Giugiaro Emas - anteprima 4
  • Italdesign Giugiaro Emas - anteprima 5
  • Italdesign Giugiaro Emas - anteprima 6

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Anticipazioni , Lotus


Top