dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 14 giugno 2011

Da Toyota nuovi modelli umani virtuali per i crash test

Serviranno per mettere a punto auto più sicure

Da Toyota nuovi modelli umani virtuali per i crash test
Galleria fotografica - Toyota, modelli umani virtuali "Thums"Galleria fotografica - Toyota, modelli umani virtuali "Thums"
  • Toyota, modelli umani virtuali \
  • Toyota, modelli umani virtuali \
  • Toyota, modelli umani virtuali \
  • Toyota, modelli umani virtuali \
  • Toyota, modelli umani virtuali \
  • Toyota, modelli umani virtuali \

La sicurezza stradale inizia in laboratorio. Questo lo sappiamo tutti, ma c'è un aspetto poco conosciuto e molto importante della progettazione di un'auto che vogliamo raccontarvi: è la simulazione virtuale degli incidenti tramite modelli umani computerizzati che rendono possibile un'analisi così dettagliata da risultare irraggiungibile mediante i manichini da crash test convenzionali. A ricordarcelo è la Toyota Motor Corporation (TMC) che ha aggiunto alla sua famiglia di modelli virtuali - chiamata "Thums" - un esemplare di individuo donna e uno di uomo. In pratica si tratta di due finti "automobilisti" che a partire dall'estate verranno venduti alle università per sviluppare veicoli sempre più sicuri. Oltre a questo, TMC ha infatti intenzione di aggiungere nuovi modelli, basati sull'anatomia degli anziani e dei bambini, per sviluppare la più ampia gamma di test possibile.

COSA SONO I MODELLI VIRTUALI THUMS
Quando parliamo di modelli virtuali "Thums" ci riferiamo a modelli il cui acronimo sta per "Total HUman Model for Safety", cioè "modello umano completo per la sicurezza". Thums, come spiega Toyota, permette un'analisi molto dettagliata delle fratture ossee, il distacco dei legamenti... simulando molte delle caratteristiche del corpo umano, dalla forma del corpo alla struttura scheletrica e della pelle. Toyota Motor Corporation ha iniziato a sviluppare il Thums nel 1997 in collaborazione con i Laboratori Centrali di Ricerca e Sviluppo Toyota - Toyota Central R&D Labs., Inc e la Versione 1 è stata completata e commercializzata nel 2000. Nel 2004 è stata introdotta la Versione 2, che aggiungeva il volto e le ossa, e nel 2006 con la Versione 3 è stato inserito un modello molto preciso del cervello. La Versione 4, dotata anche di organi interni molto dettagliati, è stata completata e commercializzata nel 2010.

I "NUOVI ARRIVATI"
I due nuovi modelli della famiglia Thums Versione 4 sono ispirati a una donna di statura pari a 153 cm e ad un uomo alto 189 cm e si aggiungono al modello di maschio adulto alto 179 cm messo a punto lo scorso anno. I tre modelli sono prodotti secondo due diverse tipologie, una per gli occupanti del veicolo e l'altra per i pedoni, portando così a 6 il numero totale di modelli. Diventa così possibile prendere in considerazione differenti misure umane durante l'analisi delle lesioni interne causate dagli incidenti automobilistici.

Autore:

Tag: Curiosità , Toyota , incidenti , sicurezza stradale , crash test


Top