dalla Home

Tecnica

pubblicato il 27 maggio 2011

Le Volvo mettono il KERS

Niente batterie con un sistema meccanico tanto semplice quanto interessante

Le Volvo mettono il KERS
Galleria fotografica - Volvo Flywheel KERSGalleria fotografica - Volvo Flywheel KERS
  • Volvo Flywheel KERS - anteprima 1
  • Volvo Flywheel KERS - anteprima 2
  • Volvo Flywheel KERS - anteprima 3
  • Volvo Flywheel KERS - anteprima 4
  • Volvo Flywheel KERS - anteprima 5
  • Volvo Flywheel KERS - anteprima 6

Dopo Porsche, che ha reso ibrida la la 911 GT3 R Hybrid con la batteria inerziale ideata da Williams F1, anche Volvo sta cercando il modo di rimpiazzare i costosi, pesanti e relativamente poco longevi accumulatori chimici con un sistema che sfrutta un volano per ridurre consumi e migliorare le prestazioni: fino al 20%, sostiene la Casa svedese. Il sistema è oggetto di studio in un progetto congiunto di Volvo Powertrain ed SKF e la sua particolarità è che non sfrutta motori elettrici e batterie per assistere il motore termico, ma semplicemente l'inerzia.

IBRIDA MA SENZA VOLT
La tecnologia Flywheel KERS di Volvo recupera l'energia in frenata, ma invece di trasformare il moto inerziale in energia elettrica da immagazzinare in batterie che a loro volta alimentano il o i motori elettrici, la utilizza direttamente per trasmettere il moto alle ruote. Il sistema è alloggiato sull'asse posteriore ed è formato da un volano in fibra di carbonio di 20 cm di diametro e un peso di circa 6 kg, collegato all'asse posteriore attraverso una catena cinematica che comprende anche un cambio a variazione continua CVT.

80 CV PULITI
Nel sistema Flywheel KERS di Volvo il motore termico che aziona le ruote anteriori viene spento durante la fase di frenata. Contemporaneamente, sull'asse posteriore viene innescata la rotazione del volano (può raggiungere fino a 60.000 giri/minuto) che nella fase di partenza viene trasferita opportunamente demoltiplicata attraverso la trasmissione CVT alle ruote posteriori per i primi metri, in maniera dunque analoga alle odierne vetture ibride parallele. Secondo la Casa svedese il volano fornisce una potenza aggiuntiva pari a circa 80 CV, dunque migliora di parecchio le prestazioni sullo 0-100 km/h oltre a tagliare consumi ed emssioni. Il sistema Flywheel KERS Volvo-SKF sarà testato su un modello Volvo da definire a partire dalla seconda metà del 2011 e verrà sviluppato parallelamente al sistema ibrido plug-in che ha debuttato sulla V60.

Volvo Flywheel KERS

Con la tecnologia di Volvo ed SKF le future auto ibride potranno fare a meno delle batterie

Autore:

Tag: Tecnica , Volvo , auto ibride


Top