dalla Home

Curiosità

pubblicato il 19 maggio 2011

Anche Volvo studia la ricarica wireless

La C30 Electric è la "cavia" per i test di trasferimento energetico senza fili

Anche Volvo studia la ricarica wireless
Galleria fotografica - Volvo studia la ricarica wirelessGalleria fotografica - Volvo studia la ricarica wireless
  • Volvo studia la ricarica wireless - anteprima 1
  • Volvo studia la ricarica wireless - anteprima 2
  • Volvo studia la ricarica wireless - anteprima 3
  • Volvo studia la ricarica wireless - anteprima 4

Ricaricare l'auto elettrica senza ricorrere a prese di corrente e cavi è la sfida in cui sempre più costruttori si stanno lanciando. Se infatti le auto a impatto zero sono ancora una realtà di nicchia (le prime si stanno affacciando sul mercato solo quest'anno), la ricerca va avanti e già l'anno scorso si è cominciato a studiare in Asia un sistema di carica per induzione. Lo stesso hanno incominciato a fare i produttori, come Tesla e Volvo, che ha appena annunciato di partecipare ad un progetto per lo sviluppo della ricarica wireless insieme a Flanders' Drive - organizzazione belga specializzata nel settore tecnologico -, l'azienda costruttrice di autobus Van Hool e Bombardier, specializzata nella produzione di tram. "Questa è una soluzione intelligente che guarda decisamente al futuro", ha detto Johan Konnberg, project manager della divisione Veicoli Speciali di Volvo, ricordando che ad oggi non esiste ancora uno standard comune per la ricarica induttiva.

IN LABORATORIO UNA C30 ELECTRIC
"L'obiettivo è naturalmente far sì che diventi il più possibile conveniente possedere e utilizzare un'auto elettrica", ha detto Konnberg. Proprio oggi una Volvo C30 Electric, le cui prime consegne a 250 clienti europei sono fissati per la seconda metà di quest'anno, verrà consegnata a Flanders' Drive per essere sottoposta alle modifiche necessarie per l'utilizzo della ricarica induttiva dando inizio al progetto conosciuto con il nome di Continuous Electric Drive (CED).

COME SI TRASFERISCE L'ENERGIA SENZA FILI
La ricarica induttiva prevede l'utilizzo di una piastra di ricarica interrata, ad esempio nel vialetto davanti casa dove di solito si parcheggia l'automobile, che consiste in una bobina che genera un campo magnetico. Quando la vettura è parcheggiata sopra la piastra, l'energia viene trasferita dalla piastra al pick-up (sensore) induttivo dell'auto senza che vi sia alcun contatto fisico fra le parti. L'energia trasferita è corrente alternata, che viene poi convertita in corrente continua all'interno del convertitore di potenza integrato nella vettura, che a sua volta carica il pacco batterie dell'auto. Il tempo previsto per la ricarica di un pacco batterie di dimensioni pari a quello installato sulla Volvo C30 Electric, da 24 kWh, è di circa un'ora e venti minuti nel caso in cui la batteria sia completamente scarica. Il sistema di ricarica da valutare è dimensionato per 20 kW.

Galleria fotografica - Volvo C30 Electric. Prove articheGalleria fotografica - Volvo C30 Electric. Prove artiche
  • Volvo C30 Electric. Prove artiche - anteprima 1
  • Volvo C30 Electric. Prove artiche - anteprima 2
  • Volvo C30 Electric. Prove artiche - anteprima 3
  • Volvo C30 Electric. Prove artiche - anteprima 4

Autore:

Tag: Curiosità , auto elettrica


Top