dalla Home

Mercato

pubblicato il 19 maggio 2011

Fiat è pronta a rifinanziare il credito

Non appena acquisirà un ulteriore 16% in Chrysler passerà da 1 a 1,5 mld di euro

Fiat è pronta a rifinanziare il credito

Sergio Marchionne continua a privilegiare il rapporto con le banche. Lui che ha lasciato il board di UBS per il "troppo lavoro" (sono ben quattro le cariche di Amministratore Delegato che attualmente ricopre) prosegue nella gestione del Gruppo Fiat dando priorità alle manovre finanziarie. A maggio ha incontrato un centinaio di banchieri a New York per rifinanziare il debito da 7,6 miliardi di euro di Chrysler con il governo di Barack Obama e con il tesoro Canadese ed ora, come riporta Bloomberg, è vicino all'avvio di una trattativa con Credit Agricole, Intesa Sanpaolo, Unicredit e altri soggetti bancari per rifinanziare, entro il prossimo mese di luglio, una linea di credito esistente del Lingotto, in scadenza nel febbraio del 2012.

In pratica, volendo salire al 51% di Chrysler entro l'anno e quindi prima che questa ritorni in Borsa, il Gruppo italiano vuole portare la linea di credito da 1 a 1,5 miliardi di euro. Un passaggio che dovrà seguire, in base ai piani dell'azienda, alla completa acquisizione di un ulteriore pacchetto del 16% in Chrysler (in pratica da quando il Lingotto si sarà portato al 46% della casa americana). L'operazione partirà in questi giorni e sarà suddivisa, come spiegano le agenzie, in una linea di credito da 1,5 miliardi, più obbligazioni garantite per 2,5 miliardi con scadenze a 8-10 anni ed il rimanente in titoli di credito garantiti con scadenza più breve (6 anni). Una manovra che al momento non è stata commentata ufficialmente da Torino.

Autore:

Tag: Mercato , torino


Top