dalla Home

Test

pubblicato il 12 maggio 2011

Peugeot 308 restyling: primo contatto

A tu per tu con il nuovo sistema start/stop e la versione e-HDi

Peugeot 308 restyling: primo contatto
Galleria fotografica - Peugeot 308 Restyling - WagonGalleria fotografica - Peugeot 308 Restyling - Wagon
  • Peugeot 308 Restyling - Wagon - anteprima 1
  • Peugeot 308 Restyling - Wagon - anteprima 2
  • Peugeot 308 Restyling - Wagon - anteprima 3

Peugeot 308, è l'ora dello Stop & Start. Sai che novità, diranno alcuni, quelli che magari guidano da quattro anni una BMW serie 1 dotata della medesima tecnologia. Invece l'innovazione c'è, eccome se c'è. E promette di dare una bella spinta alle vendite del modello, arrivate, da fine 2007 a fine 2010, a 910 mila unità in tutto il mondo.

SUPERCONDENSATORE, SILENZIO TOTALE
In occasione del restyling della compatta di Casa, i francesi lanciano un sistema di spegnimento/riavviamento che non è un banale "copia incolla" di una tecnologia preesistente. Il Gruppo PSA Peugeot-Citroën ci ha lavorato per anni, ha depositato 60 brevetti ed ora esibisce con orgoglio il frutto delle proprie fatiche. In sostanza, al posto del motorino d'avviamento, c'è un alternatore reversibile: oltre alle normali funzioni di trasformazione dell'energia meccanica in elettricità, il dispositivo implementato nell'e-HDi, calettato al motore, dà l'energia necessaria allo spunto del propulsore. Ok, anche questa non è una novità assoluta, visto che l'alternatore/starter era già utilizzato sulle "cugine" Citroen C2 e C3 dal 2004 ed è alla base del Mild Hybrid Drive della smart. PSA ha però aggiunto il supercondensatore. Nome da Star Trek per un surplus di energia proprio nel momento più delicato: quello dello spunto del motore diesel, per sua natura più difficile da avviare rispetto al benzina. Non solo: il range di temperature entro il quale lo Stop & Start entra in funzione si allarga: da -5 a 30 gradi, contro -3/28 dei sistemi tradizionali.

VANTAGGI TANGIBILI
Una volta partiti, è un attimo rendersi conto di come l'assenza del classico motorino d'avviamento si traduca nella totale assenza di vibrazioni. Dai 20 km/h in giù (8 km/h con il cambio robotizzato), quando il pedale della frizione è sollevato e il cambio è in folle, l'HDi si ammutolisce e la ripartenza è impercettibile, sia a livello acustico sia vibrazionale. Il lavoro congiunto del supercondensatore (prodotto da Continental) e dell'alternatore reversibile permette avviamenti istantanei (400 millesimi di secondo) e, soprattutto, porta il motore a 600 giri fin dal primo istante. I tradizionali Start/Stop con motorino d'avviamento rinforzato fanno invece partire l'unità motrice intorno ai 200 giri: in questo modo è inevitabile che il motore inneschi qualche scuotimento prima di raggiungere il regime di rotazione minimo. Altra novità introdotta con l'e-HDi è un contatore con funzione "moralizzatrice": nel trip computer, un cronometro permette di visualizzare per quanto tempo il motore rimane spento. Per dare un'idea, nel traffico di Milano delle 10.30 (certamente non la classica rush hour), 14 chilometri sono bastati per risparmiare 9 minuti e mezzo di gasolio all'ambiente e di dB alle orecchie dei cittadini. Per il resto, la compatta della Casa di Sochaux ripropone esattamente le stesse caratteristiche della versione pre-restyling. Vale a dire, ottima insonorizzazione del propulsore, sterzo leggero e abbastanza rapido, valido isolamento dalle asperità. Gli aspetti che non convincono sono la compattezza della vettura (sui fondi sconnessi come il pavé non è raro riscontrare scricchiolii dalle plastiche interne) e una certa pigrizia dell'1.6 HDi al di sotto dei 1.600 giri: se serve spunto immediato è meglio ricorrere al cambio. Un sei marce che da parte sua non aiuta tantissimo, visto che gli innesti risultano piuttosto contrastati.

250.000 KM DI TRANQUILLITA'
Motivo di preoccupazione più che legittimo, in tema di dispositivi Start/Stop, è quello dell'affidabilità: i ripetuti spegnimenti e riavvi del propulsore fanno temere una breve durata delle parti coinvolte. Peugeot tranquillizza sostenendo che il suo sistema è progettato per resistere a 600.000 cicli completi di start e stop. Un numero esattamente doppio rispetto alla prima generazione di tale tecnologia. Per quanto riguarda il supercondensatore, invece, la durata è assicurata per 250.000 chilometri e il costo della sua sostituzione non è di quelli che preoccupano: circa 200 euro. Non ci sono problemi nemmeno per la batteria: anzi, gli ingegneri del Leone sostengono che l'accumulatore da 12V e 760 Ampere della 308 offra una durata superiore rispetto a quelli delle 308 senza Stop & Start.

ORDINABILE DA SUBITO
Disponibile da subito, la 308 restyling articola la propria offerta sui classici 3 allestimenti del Leone: Access, Active e Allure, cui si aggiungono - solo in abbinamento alla carrozzeria berlina - le versioni Business (pensata per le flotte aziendali, che rappresentano una fetta importante della clientela della francese) e GTi, quest'ultima con motore THP da ben 200 cavalli. L'obiettivo di Peugeot Italia, che in occasione del lancio della 308 ha presentato anche il suo nuovo Amministratore Delegato, Olivier Mornet, è quello di incrementare le vendite della 308 del 20%. Un forte contributo al raggiungimento di tale meta lo darà proprio la e-HDi, che secondo il marketing coprirà il 47% degli ordinativi del modello (il 38% con il cambio manuale, il 9 con il robotizzato). Infine, il capitolo consumi: in città, il risparmio garantito dallo Stop & Start è pari al 15% e un litro di gasolio è sufficiente per coprire 17,5 chilometri. In ambito extraurbano la percorrenza è di 25 km/l, mentre nel ciclo misto i francesi promettono 21,7 km/l.

Galleria fotografica - Peugeot 308 Restyling  - BerlinaGalleria fotografica - Peugeot 308 Restyling  - Berlina
  • Peugeot 308 Restyling  - Berlina	   - anteprima 1
  • Peugeot 308 Restyling  - Berlina	   - anteprima 2
  • Peugeot 308 Restyling  - Berlina	   - anteprima 3
  • Peugeot 308 Restyling  - Berlina	   - anteprima 4
  • Peugeot 308 Restyling  - Berlina	   - anteprima 5
  • Peugeot 308 Restyling  - Berlina	   - anteprima 6
Galleria fotografica - Peugeot 308 CC restylingGalleria fotografica - Peugeot 308 CC restyling
  • Peugeot 308 CC restyling - anteprima 1
  • Peugeot 308 CC restyling - anteprima 2
  • Peugeot 308 CC restyling - anteprima 3
  • Peugeot 308 CC restyling - anteprima 4

Scheda Versione

Peugeot 308
Nome
308
Anno
2007 (restyling del 2011) - F.C.
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Adriano Tosi

Tag: Test , Peugeot , auto europee , nuovi motori


Top