dalla Home

Test

pubblicato il 11 maggio 2011

Mercedes Classe E BlueEFFICIENCY su strada

Primo contatto con le nuove motorizzazioni della media tedesca

Mercedes Classe E BlueEFFICIENCY su strada
Galleria fotografica - Mercedes Classe E 2011Galleria fotografica - Mercedes Classe E 2011
  • Mercedes Classe E 2011 - anteprima 1
  • Mercedes Classe E 2011 - anteprima 2
  • Mercedes Classe E 2011 - anteprima 3
  • Mercedes Classe E 2011 - anteprima 4
  • Mercedes Classe E 2011 - anteprima 5
  • Mercedes Classe E 2011 - anteprima 6

Da oggi tutte le versioni della gamma della classe E di casa Mercedes possono fregiarsi del titolo "BlueEFFICIENCY". I puristi stiano pure tranquilli: in nome della lotta contro le emissioni ed i consumi nulla è stato sacrificato alla voce prestazioni. La E 500 riesce ad aumentare il numero dei puledri presenti nella sua scuderia (da 388 a 408) pur racchiudendoli in spazi più ridotti (da 5.461 c. a 4.633 cc). Solo l'appetito è diminuito in maniera notevole, con un - 17 % che non ha bisogno di ulteriori commenti . Gli stessi risultati sono stati ottenuti sulle altre motorizzazioni in listino, anche con interventi meno radicali, che trovano il loro comune denominatore nell'adozione del cambio 7G-TRONIC PLUS abbinato al sistema ECO start/stop che provvede a "zittire" il propulsore appena se ne presenta l'opportunità. L'ultima evoluzione di questo cambio automatico made in Mercedes presenta un nuovo convertitore di coppia con slittamento ridotto, una diversa spaziatura dei rapporti ed una pompa dell'olio supplementare che nella fase di stop automatico mantiene inalterata la pressione di esercizio, che grazie all'impiego di componenti a basso attrito e di olio con minore viscosità, opera in maniera ridotta rispetto a prima.

UN CAMBIO DA ... MANUALE
Con le varie motorizzazioni, il reparto trasmissione ha mantenuto inalterate le sue caratteristiche positive: logica di funzionamento ineccepibile in modalità automatica, con innesti rapidi e veramente impercettibili specie alle basse/medie andature, sia in salita di marcia che in scalata, vero tallone d'Achille di molti cambi automatici. Forzando il ritmo il quadro non cambia di molto: non ci è mai capitato di ritrovarci con un rapporto inadeguato alla situazione. Si avvertono in maniera più marcata i vari passaggi, ma sempre in maniera limitata. La modalità manuale, attivabile tramite la palette posizionate dietro il volante, non ci sembra quella più adatta ad accompagnare la marcia di questa elegante berlina e francamente non se ne avverte una grande necessità. E' comunque un'opzione sempre praticabile che in determinati frangenti può rendere la guida più coinvolgente.

LASCIATE FARE A LEI
La classe E, comunque sia motorizzata, macina chilometri con grande disinvoltura: le autostrade tedesche, teatro del nostro test, sono certamente il palcoscenico più adatto a mettere in risalto le sue qualità. Anche la "piccola" 200 CDI da 136 CV, nonostante la mole, guadagna velocità con insospettata solerzia. Certo la gratificazione sale proporzionalmente all'aumento della potenza a disposizione, con la E 500 fuori catalogo rispetto alle sorelle. Per tutte un bel 10 in pagella per rotondità di funzionamento e assenza di vibrazioni nelle varie situazioni di marcia. Ottima l'insonorizzazione ed ineccepibile il meccanismo ECO start/stop, veramente inavvertibile sia a livello acustico che di vibrazioni nelle varie fasi di spegnimento e accensione. In città ci si muove con discreta disinvoltura grazie al ridotto raggio di svolta, mentre sulle extraurbane avremmo preferito una risposta più pronta dallo sterzo, che comunque offre un buon feeling con il manto stradale. Nei percorsi più tormentati è meglio scegliere un'andatura regolare, tollera l'improvvisazione ma non la sopporta più di tanto. Meglio cercare soddisfazione nei veloci curvoni autostradali, dove la scocca rigida e le sospensioni ben controllate contrastano efficacemente rollio e beccheggio. In definitiva una vettura che ispira immediata confidenza e si lascia condurre in scioltezza nelle varie condizioni di marcia, ma che non ama gli eccessi e, se rispettata, ti ripaga con la stessa moneta.

QUALE SCEGLIEREMMO? LA 200 CDI
La scelta del propulsore sarà ovviamente influenzata da logiche e gusti personali. Noi siamo rimasti favorevolmente colpiti dalla 200 CDI, molto valida nell'uso quotidiano "effettivo" e dalla E 200 benzina, che per la spinta ai bassi regimi si avvicina notevolmente a quanto riscontrato nelle versioni diesel. Da segnalare l'entrata in scena della versione E 200 NGT bi-fuel alimentata a gas metano. Il propulsore da 163 Cv promette un'autonomia di circa 360 km. prima di passare al canonico funzionamento a benzina. I tre contenitori del gas sono alloggiati due sotto il pianale del bagagliaio ed uno dietro lo schienale posteriore, per una capacità totale di 121,5 litri pari a 19,5 kg. Listini inalterati con prezzi a partire da 40.000 Euro, con il bonus dell'adozione ( di serie ) del nuovo cambio 7G-TRONIC PLUS sulla versione E250 CDI.

Scheda Versione

Mercedes-Benz Classe E Berlina
Nome
Classe E Berlina
Anno
2009 - F.C.
Tipo
Premium
Segmento
superiore
Carrozzeria
3 volumi
Porte
4 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Giovanni Ceccarelli

Tag: Test , Mercedes-Benz , auto europee , nuovi motori


Top