dalla Home

Mercato

pubblicato il 10 maggio 2011

Ford Focus Wagon: sarà ancora "la più amata dagli italiani"?

In 10 anni oltre 300.000 unità. Ora riparte da 18.500 euro

Ford Focus Wagon: sarà ancora "la più amata dagli italiani"?
Galleria fotografica - Nuova Ford Focus station wagonGalleria fotografica - Nuova Ford Focus station wagon
  • Nuova Ford Focus station wagon - anteprima 1
  • Nuova Ford Focus station wagon - anteprima 2
  • Nuova Ford Focus station wagon - anteprima 3
  • Nuova Ford Focus station wagon - anteprima 4
  • Nuova Ford Focus station wagon - anteprima 5
  • Nuova Ford Focus station wagon - anteprima 6

Secondo Gaetano Thorel, presidente di Ford Italia, è stata finora la "station wagon più amata dagli italiani". I numeri confermano: con 303.631 unità vendute la Ford Focus Wagon dal 2001 al 2010 è stata in Italia di gran lunga la best seller del segmento station wagon medie. Dietro, a circa 100.000 unità, un'altro cavallo di battaglia del suo marchio: la Opel Astra station wagon, che ha totalizzato 192.817 unità ed insieme alla quale la Focus familare da un decennio a questa parte ha fatto segmento a sé. Fra le wagon di dimensioni medie un ritmo simile l'hanno tenuto solo Audi A4 Avant (170.293 unità), Volkswagen Passat Variant (149.897), BMW Serie 3 Touring (109.849) e Fiat Stilo Multi Wagon (107.987, elaborazione Ford su dati UNRAE). Ce la farà dunque la nuova Focus Wagon a ripetere i successi dell'ultimo decennio?

SEMPRE PIU' PREMIUM
La generazione 2011 della familiare dell'Ovale Blu dovrà vedersela ancora con la pari categoria Astra Sports Tourer. Del resto le analogie fra le due vetture non sono poche: entrambe sono state rinnovate e lanciate nel 2011, entrambe sono cresciute in dimensioni e in qualità. Nel caso della Focus 2011 (lunga 20 cm in più della 5 porte), quest'ultima è lunga 9 cm in più della Focus Wagon attuale, con un bagagliaio, caratteristica principale di chi sceglie queste vetture, compreso chi ne fa un utilizzo professionale, di 490 litri contro i 503 della Wagon attuale e una capacità massima di 1.516 litri contro i 1.546 della attuale. Un piccolo sacrificio in favore del design che fa parte dell'evoluzione di questo segmento "a due" che sembra ormai allontanarsi dalla spartanità del passato: materiali e dotazioni sono adesso da "quasi premium", anzi, Ford ha attinto alla tecnologia firmata Volvo adottando anche sulla sua segmento C tecnologie come il sistema di parcheggio semiautomatico (l'abbiamo provato e funziona molto bene), il sistema di frenata automatica, di monitoraggio degli angoli ciechi, di controllo livello di efficienza alla guida, abbaglianti automatici, riconoscimento dei segnali stradali, di segnalazione e di mantenimento del cambio corsia compresi nel "Driver Assistant Pack" disponibile ad un prezzo di 1.250 euro. Fino a cinque anni fa tutto ciò era impensabile per vetture con listino intorno ai 20.000 euro.

FOCUS VS ASTRA
A proposito di listino, quello della Focus Wagon si suddivide in due allestimenti, base e Titanium. I prezzi partono da 18.500 euro per la Focus Wagon 1.6 105 CV, da 19.250 euro per la 1.6 125 CV e salgono fino a 20.750 euro per le due motorizzazioni destinate ai volumi maggiori: la 1.6 EcoBoost 150 CV e la Diesel 1.6 TDCi 115 CV. La differenza di prezzo con le più ricche Titanium è presto fatta: basta aggiungere 750 euro e si ottengono luci posteriori a led, illuminazione interna a led, climatizzatore automatico bizona, tergicristalli e fari automatici, controllo di velocità di crociera, limitatore di velocità, cerchi in lega da 16", assistenza alla partenza in salita, fendinebbia anteriori e tappetini in velluto. Andando al cuore della gamma, rappresentata in Italia dalle motorizzazioni Diesel, la Focus Wagon 1.6 TDCi 115 CV con Start&Stop, in listino a 20.750 euro, è la più vicina alla Astra Tourer Elective 1.7 CDTi 110 CV e ben lontana dalla Golf Comfortline Variant 1.6 TDI 105 CV a quota 23.600 euro, considerata da Ford una rivale molto accreditata, nonostante le differenze di prezzo.

UN LANCIO LUNGO UN ANNO
Dopo il lancio della versione per neopatentati motorizzata con un 1.6 Diesel da 95 CV, mentre per il primo trimestre 2012 si attendono le "Focus sportive" motorizzazioni benzina 1.6 EcoBoost 180 CV e 2.0 TDCi da 163 CV. Tre mesi dopo sarà la volta della Focus EcoNetic con consumi di 3,5 l/100 km ed emissioni di CO2 pari a 95 g/km, mentre nel terzo trimestre 2012 ci sarà il debutto di due versioni agli antipodi: da una parte la Focus ST da oltre 250 CV e dal'altra la Focus Electric, che di cavalli ne avrà un po' meno ma in compenso non inquinerà per nulla.

Autore:

Tag: Mercato , Ford


Top