dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 9 maggio 2011

“One Tonne Life” di Volvo riduce la CO2 del 64%

Una C30 Electric aiuta la famiglia Lindell a diminuire le emissioni

“One Tonne Life” di Volvo riduce la CO2 del 64%
Galleria fotografica - Programma “One Tonne Life” di VolvoGalleria fotografica - Programma “One Tonne Life” di Volvo
  • Programma “One Tonne Life” di Volvo - anteprima 1
  • Programma “One Tonne Life” di Volvo - anteprima 2
  • Programma “One Tonne Life” di Volvo - anteprima 3
  • Programma “One Tonne Life” di Volvo - anteprima 4
  • Programma “One Tonne Life” di Volvo - anteprima 5
  • Programma “One Tonne Life” di Volvo - anteprima 6

A tre mesi dall'inizio del programma sperimentale Dani "One Tonne Life" avviato dalle aziende svedesi Volvo, A-hus e Vattenfall, cominicano ad arrivare i primi risultati positivi dalla famiglia Lindell coinvolta nel test. Come già abbiamo avuto modo di spiegare, il progetto "One Tonne Life" prevede che una famiglia campione cambi casa, automobile e stile di vita per riuscire a ridurre ad una sola tonnellata il livello di CO2 emessa da ogni familiare durante l'anno. All'inizio della sperimentazione i Lindell emettevano quasi 7,3 tonnellate di anidride carbonica a testa, ma già dopo meno di 100 giorni il loro livello è sceso a 2,6 tonnellate, con un miglioramento netto del 64%.

Per raggiungere questo primo traguardo i 4 componenti della famiglia Lindell hanno intrapreso un programma semestrale che prevede una serie di modifiche alle loro abitudini. Per prima cosa hanno dovuto abbandonare la loro abitazione degli Anni '70 per trasferirsi in una nuova casa in legno A-hus costruita secondo criteri di architettura sostenibile, hanno messo da parte le vecchie automobili in favore di una Volvo C30 Electric e si sono rivolti alla Vattenfall per avere energia elettrica ottenuta solo da fonti rinnovabili. ICA e Siemens hanno poi fornito elettrodomestici e apparecchiature a basso livello di consumo.

Uno dei tagli più drastici alle emissioni di CO2 (-93%) è venuto proprio dall'utilizzo della Volvo C30 Electric, auto a batterie che viene ricaricata dalla normale presa di corrente domestica, a sua volta rifornita da elettricità ottenuta con impianti idroelettrici. L'utilizzo del treno per andare in vacanza e le prossime uscite in bicicletta contribuiranno a ridurre ulteriormente l'impatto ambientale della famiglia svedese. Curiosamente anche le abitudini alimentari delle quattro "cavie umane" ha contribuito a dimezzare le emissioni di biossido di carbonio, variando in maniera mirata il consumo di carne e pesce e aumentando in maniera significativa quello di vegetali. L'ultima "zavorra" di CO2, la più difficile da ridurre, resta quella relativa ai processi produttivi dei beni e prodotti utilizzati quotidianamente (mobili, celle solari, abiti), che assomma a circa 900 chilogrammi.

Autore:

Tag: Curiosità , Volvo , mobilità sostenibile , auto elettrica , statistiche , lifestyle


Top